The 4 Freedoms Library

It takes a nation to protect the nation

Fratelli Musulmani in Nordamerica

Video: http://truthtube.tv/play.php?vid=1001

Negli anni Novanta i Fratelli Musulmani d'Egitto hanno reso pubblico il piano d'islamizzare il Nord America, perciò ci sono molti egiziani che emigrano (in Nord America) e invece di integrarsi mantengono i costumi del loro Paese (Delitti d'onore). Inutile chiedersi -se commettono Delitti d'onore- perchè sono venuti a vivere in Occidente, dove c'è tutt'altra mentalità. Sono qui per portare a compimento il piano d'islamizzazione. Ma si deve (in Nord America) fare in modo che chi nasce e vive qui sia tutelato dalla Costituzione di qui. Non ci possono nè devono essere eccezioni motivate da "particolarità culturali del Paese d'origine". Il padre egiziano che ha ammazzato (Delitto d'onore) le due figlie deve essere condannato e tutti i bambini devono essere messi sotto la custodia della Legge (noramericana), e nessuno può applicare a loro le Leggi di un'altra Cultura:

***

Quotidiano governativo egiziano AlAhram: no al dialogo con l'Iran
[ http://www.memri.org/bin/french/articles.cgi?Page=archives&Area... ]

In un contesto di tensione crescente fra Iran e Paesi arabi, AlAhram pubblica un editoriale virulento verso l'Iran. Il Regime iraniano esporta la crisi interna nei Paesi arabi e impone l'egemonia iraniana nella Regione - sia militarmente, sia per mezzo dei Media, sia interferendo nelle questioni religiose e politiche dei Paesi arabi. Stima inoltre che vista la posizione dell'Iran i Paesi Membri della Lega Araba dovrebbero rifiutare il dialogo con esso.

"L'Iran cerca di nascondere la sua crisi interna e la crescente pressione popolare contro il Governo. Pare che in cittadino iraniano abbia lanciato una scarpa a Ahmadinejad durante una visita di quest'ultimo a Orumiyeh.

Incidente che rivela la tensione interna all'Iran, a cui si affiancano gli atti di oppressione contro chiunque si oppone al Regime. Sono state imposte restrizioni a giornali considerati 'riformisti', e sono stati arrestati alcuni partigiani. In oltre, la Libertà d'Opinione e d'Espressione è stata limitata, e il Regime ha applicato delle misure razziste verso i sunniti ....

Così l'Iran ha ignorato le sue tensioni interiori che ha invece esportato nei vicini Paesi arabi:

Servendosi delle Minoranze shiite che sostengono il Regime dell'Iran in più Paesi arabi

Non intervenendo direttamente, in modo militare, come nelle tre isole degli Emirati Arabi Uniti (La grande Tunb, la piccola Tunb e Abu Moussa)

Pubblicando nei Media delle dichiarazioni minacciose verso la Sovranità e la Stabilità dei Paesi arabi, fra cui l'affermazione che il Barhain non è uno Stato indipendente ma la 14a Provincia dell'Iran.

Intromettendosi politicamente negli affari dei Paesi arabi, tramite il finanziamento e lo sfruttamento di elementi palestinesi, o appoggiando il Fronte Polisario al fine di avere un punto d'appoggio in Marocco

Tramite la propaganda shiita nei Paesi a maggioranza araba sunnita che non hai mai conosciuto divisioni intra-islamiche (l'Egitto)

Viste queste provocazioni è chiaro che i rapporti fra Iran e Paesi arabi siano tesi. La dichiarazione di Rabat che annunciava la fine delle Relazioni diplomatiche con Teheran è subentrata in seguito alle dichiarazioni iraniane relative al marocco e ai tentativi di nuocere all'identità religiosa del popolo marocchino - senza parlare del sostegno al Fronte Polisario.

Secondo lo sceicco Abdallah ben Zayed, Ministro degli Affari Esteri degli Emirati Arabi Uniti, si tratta di mettere sullo stesso livello Iran e Israele, e di tenere un dialogo con essi, visto che entrambi occupano i Territori arabi.

L'Iran cerca di partecipare a tutte le Industrie arabe regionali, in tutti i modi possibili, al fine d'imporre la sue egemonia e di distruggere i fondamenti raligiosi della maggioranza degli arabi. Comunque, è votato al fallimento, visto che gli arabi non adotteranno mai un piano che cerca di cancellare la loro identità.

Tag: AlTaqyyia, ConseguenzeIslamizzazione, Democrazia, FaithFreedom, FratelliMusulmani, HizbUtTahrir, IslamModerato, IslamRadicale, IslamizzazioneCoscienze, LibertaEspressione, Altro...MohamedSifaoui, MondoIslamico, PoliticaInterna, PoliticaVersoOccidente, RiformaIslam, TawfikHamid

Visualizzazioni: 146

Risposte a questa discussione

Domenica: Conferenza supremazista sovversiva a Chicago, con Servizio gratuito di Baby-sitting per le giovani Mamme
17/07/2009

Vedere anche il Video su questa Conferenza sul Rovesciamento della Democrazia da Parte di Islamisti sedicenti

Conférence sur le renversement de la démocratie par des islamistes séditieux oppure http://www.foxnews.com/video/index.html?playerId=videolandingpage&a...

altrimenti detto della Gioventù hitleriana moderna, tenutasi in un Hotel chic della Banlieu di Chicago …
_______________________________________

Un Gruppo islamico supremazista tiene la sua prima Conferenza negli Stati Uniti

FoxNews, 17 juillet 2009 : Un Gruppo votato all’Instaurazione di un Impero islamico internazionale e che si dice essere legato ad AlQaeda, intensifica i suoi Sforzi di Reclutamento in Occidente tenendo la sua prima Conferenza ufficiale negli Stati Uniti.

Hizb ut-Tahrir è una Rete mondiale di Sunniti aventi dei Legami con Khalid Sheikh Mohammed, il Cervello che sta dietro gli Attentati dell’11 settembre, e Abu Musab al-Zarqawi, il vecchio Leader di AlQaeda in Iraq. Questo Gruppo ha operato discretamente negli Stati Uniti durante dei Decenni. Esce ora dall’Ombra e terrà apertamente una Conferenza il 19 luglio sotto il Titolo “La Caduta del Capitalismo e la Montata dell’Islam”, in un Hotel Hilton chic della Banlieu di Chicago.
Hizb ut-Tahrir insiste che non è implicato con il Terrorismo, e non è riconosciuto dal Dipartimento di Stato come un Gruppo terrorista. Ma certi Esperti del Terrorismo dicono che il Gruppo potrebbe essere persino più pericoloso di numerosi Gruppi iscritti sulla Lista delle Entità terroriste.

“Hizb ut-Tahrir è una delle più importanti e più vecchie Organizzazioni votate all’Indottrinamento verso l’Ideologia conosciuta come Jihadismo”, ha detto a FoxNews.com Walid Phares, Direttore del “Progetto sull’Avvenire del Terrorismo” presso la Fondazione per la Difesa delle Democrazie.

Phares dice che al posto di formare dei Membri a commettere degli Atti terroristici, come fa AlQuaeda, Hizb ut-Tahrir si concentra sull’Indottrinamento dei Giovani che hanno dai 9 ai 18 anni, per far loro assorbire l’Ideologia che chiama alla Costituzione di un Impero – o “Califfato” – che sarà governato secondo la Legge islamica, e che garantisce tutti i Mezzi perché ciò si realizzi, ivi compresa la Jihad militante.

Hizb ut-Tahrir dice spesso che il suo Indottrinamento “prepara la Fanteria” che Gruppi come AlQuaeda arruoleranno nel loro Combattimento, dice Phares: “È come una Scuola elementare che li prepara per la Scuola media, che è AlQaeda. Si potrebbe paragonarli alla Gioventù hitleriana …. È un’Organizzazione estremamente pericolosa”.

Phares dice che Hizb ut-Tahrir ha dei Bastioni nei Paesi occidentali, ivi compresa la Gran Bretagna, la Francia, la Spagna e cerca manifestamente di rinforzare la sua Base negli Stati Uniti: “L’Obiettivo di questa Conferenza è fare Reclutamenti in seno alla Comunità islamica in America. I Governi del Medio Oriente li cacciano, ma negli Stati Uniti sono protetti e il Fatto di aver qui una Base aiuterà le loro Cellule attraverso il Mondo”.

I Rappresentanti di Hizb ut-Tahrir si sono rifiutati di offrire dei Commenti al Momento in cui FoxNews.com li ha contattati. Oren Segal, Direttore degli Affari islamici dell’”Anti-Defamation League” ha dichiarato che la Conferenza è un Soggetto preoccupante.

“Sebbene la maggior Parte di loro non si diano a delle Attività violente e dicano pubblicamente di essere contro la Violenza, ci sono stati degli Esempi nel Mondo in cui delle Persone che sono derivate da questo Gruppo si sono impegnate in Atti di Violenza”, ha detto Segal a FoxNews.com. “È perciò che sono vietati nella maggior Parte dei Paesi arabi e dell’Asia centrale, come pure in Germania e in Russia”.

Khalid Sheikh Mohammed è uno dei più celebri Ex-allievi di questo Gruppo, ha detto Shiv Malik, Giornalista presso il “New Statesman”, citando le Fonti dell’Informazione. Oltre aver pianificato gli Attacchi terroristici dell’11 settembre 2001, è pure implicato nell’Attentato con Bomba contro il World Trade Center del 1993, nell’Attentato di Bali e nell’Assassinio del Reporter Daniel Pearl del “Wall Street Journal”.

Il Reportage di Malik, l’Istituto di Politica pubblica del Centro Nixon e il “think Tank” contro l’Estremismo della Fondazione Quillam, affermano tutti che Abu Musab AlZarqawi, che era il Capo di AlQaeda in Iraq fino ad essere ucciso a Giugno 2006, era già stato Membro di Hizb ut-Tahrir.

Dicono che altri Ex-membri comprendono Asif Muhammad Hanif, un Britannico che si è fatto esplodere in un Bar di Tel-Aviv, uccidendo quattro Persone (lui incluso), e ferendone più di 50, come pure Omar Bakri Mohammed, un Dignitario religioso radicale a cui è attualmente vietata l’Entrata in Gran Bretagna, il quale ha fatto l’Elogio degli Attacchi dell’11 settembre, raccoglie dei Fondi per Hezbollah e Hamas, e ha chiamato ad attaccare l’Aeroporto di Dublino in quanto le Truppe americane vi facevano Scalo per andare in Iraq.

Secondo Segal, Hizb ut-Tahrir è sempre più attivo su Internet negli Stati Uniti – in particolare sui Siti delle Reti sociali come FaceBook e MySpace – ed ora, potrebbe essere in grado di reclutare un Numero importante di Americani.
Ma c’è un Luogo dove il Gruppo non sarebbe in grado di reclutare: una Scuola islamica locale che ha avuto un Ripensamento in merito all’Impegno preso di accogliere la Conferenza. La Scuola a Scopo non di Lucro “Aqsa” di Bridgeview ha detto che Hizb ut-Tahrir aveva falsamente descritto la Conferenza come un Avvenimento tipo Bazar dove degli Alimenti e degli Abiti tradizionali sarebbero stati venduti. “Si sono falsamente rappresentati, e così è stato per l’Avvenimento. Non vogliamo mischiarci a questo genere di Cose” ha dichiarato Rana Jaber, la Dirigente degli Affari della Scuola, all’Emittente CBS News.

Il nuovo Luogo che accoglierà la Conferenza, sembra non farsi Problemi.

Il Dirigente generale dell’Hilton Oak Lawn, Rick Harmon, ha detto che Hizb ut-Tahrir aveva utilizzato il suo proprio Nome quando ha riservato la Sala per la Conferenza, ma che è solo dopo la Firma del Contratto che l’Hotel è venuto a conoscenza del Contenuto dell’Avvenimento che comprende delle Conferenze intitolate “Il Capitalismo è votato al Fallimento”, “L’Ascensione mondiale dell’Islam” e “Il Ruolo degli Islamici in America”.

Comunque, Harmon ha detto che l’Hotel è aperto ad ogni Tipo di Riunioni, che non riflettono necessariamente le sue Posizioni o le sue Credenze. “Siamo dei Cittadini degli Stati Uniti d’America ed un’Impresa americana: se è legale, siamo pronti ad accoglierla nella Misura in cui non minacci la Vita privata e la Sicurezza dei nostri Clienti”, ha detto Harmon a FoxNews.com

Secondo il Sito Internet Khilafah Conference 2009, il Gruppo non intende fare né l’uno né l’altro: “Hizb ut-Tahrir è convinto che il Cambiamento debba cominciare nella Mente delle Persone, e di Conseguenza, non accetta che le Persone o le Società siano costrette a cambiare tramite la Violenza e il Terrore”, dice il Sito. Il Sito, che comprende un Video YouTube promozionale, spiega che il Gruppo “non lavora in Occidente in Vista di cambiare il Sistema di Governo, ma cerca piuttosto di presentare un’Immagine positiva dell’Islam alla Società occidentale”.

Ma il vecchio membro Ishtiaq Hussain ha dichiarato che Hizb ut-Tahrir si presenta strategicamente come un’Organizzazione moderata mentre in Realtà è un Gruppo “estremista”. “Per Esempio, non riconoscono dei Paesi come Israele, e non credono che Israele dovrebbe esistere”, ha detto Hussain - ora Formatore per la Fondazione Quillam - a FoxNews.com. “Certi dei loro Dirigenti hanno negato l’Olocausto e stimano che gli Omosessuali dovrebbero essere gettati –dall’Immobile più alto …. È in Realtà un Gruppo molto pericoloso”.

Hizb ut-Tahrir ha ugualmente pubblicato degli Scritti che sembrano contraddire la sua Dottrina di Non-violenza. Nella sua Opera “Com’è stato distrutto il Califfato”, lo Sceicco Abdul Qadeem Zalloom, Ex-leader mondiale di Hizb ut-Tahrir, dice che chiunque governi secondo un Sistema non-islamico dovrebbe “sia ritirarsi sia farsi uccidere … pure se questo dovesse condurre a svariati Anni di Combattimenti, alla Morte di milioni di Islamici e al Martirio di milioni di Credenti”.
La Posizione ufficiale di Hizb ut-Tahrir sulla Liceità dei Dirottamenti d’Aerei è la seguente: “Se l’Aereo appartiene ad un Paese in Guerra contro gli Islamici, come Israele, è permesso dirottarlo poiché né Israele né gli Ebrei nell’Aereo hanno un Carattere sacro”.

Uno dei Trattati recenti dell’Organizzazione, pubblicato a Marzo, si rifà alla Dichiarazione di “uno Stato di Guerra contro l’America”. A Dispetto delle sue Minacce e degli Appelli all’Azione, Hizb ut-Tahrir non fa parte delle Entità terroriste iscritte sulla Lista sorvegliata del Dipartimento di Stato ed è libero d’organizzare la Conferenza sul Califfato o qualsiasi altro Avvenimento simile.

“In altre Parti del Mondo dove sono veramente molto attivi, hanno attirato Decine di migliaia di Persone a certi loro Avvenimenti”, ha dichiarato Segal. “Sarebbe interessante di vedere come saranno accolti qui”.

Fonte: http://www.postedeveille.ca/2009/07/conf%C3%A9rence-supr%C3%A9matis...
Hizb ut-Tahrir: La Shari’a ha precedenza sulla Costituzione statunitense

L’Imam promette di combattere “finché l’Islam non diventi vittorioso oppure noi non moriamo nel Tentativo di farcelo diventare”
IPT News – 20 luglio 2009

Oak Lawn, Illinois - Hizb ut-Tahrir (HT), il Movimento internazionale per ri-stabilire uno Stato islamico internazionale o Califfato – ha lanciato una nuova Campagna per reclutare Americani, Domenica pomeriggio in questo Sobborgo di Chicago. Circa 300 Persone si sono compattate nella Sala da Ballo principale dell’Hotel Hilton, per la sua Conferenza “Khalifa” con Tema “La Caduta del Capitalismo e la Montata dell’Islam”, al fine di ascoltare gli Ideologi di HT che biasimavano il Capitalismo per: la prima e la seconda Guerra mondiale; il Collasso delle Ipoteche sub-prime statunitensi; l’attuale Violenza in Iraq e Afghanistan; la Povertà mondiale e la Malnutrizione; l’Uso delle Droga all’interno delle Città.

Un Oratore identificato quale Abu Atallah ha persino biasimato il Capitalismo per la Decisione ultima del Cantante Michael Jackson di “abbandonare la sua Pelle nera”.

Hizb ut-Tahrir si prefigge di ristabilire il Califfato  restore the Caliphate  che è esistito durante l’Impero ottomano in Turchia. Il Leader turco Kemal Atatürk l’ha abolito nel 1924 in uno Sforzo per creare uno Stato secolare europeizzato.

Il Servizio di Sicurezza alla Conferenza era fitto. La Polizia di Oak Lawn ha mantenuto un Punto di Osservazione fuori dall’Hilton e la Polizia locale e la Sicurezza dello stesso HT hanno presenziato in modo sostanziale all’Interno dell’Hotel. Nella Sala da Ballo dove la Conferenza ha avuto luogo, Donne e Uomini sono stati largamente segregati, con gli Uomini di fronte e le Donne dietro. Ciò è diventato un Punto significante della Contesa fra i Supporters di HT e diversi Membri dell’Auditorio che hanno obiettato in merito a questo Arrangiamento. Ad un certo Punto, un Oratore non identificato di HT è risultato frustrato per questo Tipo di Domande.

“Uomini e Donne”, si è lasciato sfuggire, “devono essere separati per prevenire che la Gente si comporti come Animali”.

Una Donna dell’Auditorio ha risposto: “Come può il mischiarsi fra Uomini e Donne rendervi Animali?”. Chi presiedeva HT non ha avuto una Risposta persuasiva, ed ha presto aggiornato la Sessione.

La Conferenza è risultata a Tratti scarsamente organizzata. Non c’era una Lista di Oratori, forzando talvolta i Giornalisti a richiedere la Sillabazione del Nome degli Oratori. Ma HT è certamente apparso serio in merito al Lavoro per l’Obiettivo principale della Conferenza: abolire il Capitalismo e imporre il Governo del Califfato sul Mondo.

Secondo Hizb ut-Tahrir, i Problemi mondiali sociali ed economici non saranno risolti finché il Mondo non sarà governato dalla Shari’a, e finché il Governo non controlli tutte le principali Industrie. I Creditori non saranno più in grado di caricare Interessi, che un Oratore ha descritto quali “Concetto velenoso”, mentre la Carità o Zakat, è stata pubblicizzata come Modo di alleviare “le Ineguaglianze economiche”.

“Il Capitalismo secolare mi ha fatto svalutare la mia Pelle” e “ha tenuto la mia Famiglia in Ghetti” ha detto un Oratore, un Afro-americano che è giunto a biasimare il Capitalismo per il Fatto che ha fumato Marijuana e sua Nonna ha giocato alla Lotteria. Il Capitalismo, ha aggiunto, è una Forma di “Terrorismo” economico e “ci fa ricoverare in Ospedali psichiatrici”. La Presidenza di Barack Obama, ha detto, “è solo uno Schema o Cospirazione” per truffare la Gente pensando che le Cose andranno meglio sotto il Capitalismo.

Ma di nuovo, Domenica, gli Ufficiali di HT è sembrato che giocassero, essi stessi, dei scivolosi Giochi retorici – particolarmente quando si è trattato di giungere al Comportamento di Regimi dispotici islamici e Terroristi islamici -. Quando una Parte scettica dell’Auditorio ha chiesto pressantemente agli Oratori in merito al Fatto che i Governi di Iran e Arabia Saudita sono dispotici, gli Oratori della Conferenza hanno sostenuto che questi non erano Governi islamici “autentici” e che la CIA (e, di Conseguenza, il Governo capitalista statunitense) era da biasimare per i Problemi in questi Paesi.

In un’Intervista con WBBM-TV di Chicago, il Deputato Portavoce di HT Mohammad Malkaw ha rifiutato  refused  di condannare specificatamente AlQaeda e i Talebani.

Hizb ut-Tahrir non è stato designato quale Gruppo terroristico dal Governo statunitense e insiste di essere solamente interessato a istituire un Cambiamento radicale tramite Mezzi non-violenti. Ma fra gli Alunni di HT ci sono: la Mente dell’11 settembre, Khalid Sheikh Mohammed; l’ultimo Leader terrorista irakeno Abu Musab Zarqawi; e alcune successive Bombe-suicide di Hamas. La Retorica pro-jihadista del Gruppo ha condotto i Critici ha etichettarlo quale “Nastro trasportatore per Terroristi”  conveyor belt .

Un Gruppo musulmano americano ha emesso una Dichiarazione  issued a statement  prima della Conferenza condannando l’Ideologia radicale di HT e sfidando Altri a seguire l’Esempio.

“Hizb ut-Tahrir predica un’Ideologia che chiama alla Distruzione dei Principi su cui si fonda l’America”, dice Zuhdi Jasser, Presidente del Forum americano-islamico per la Democrazia. “Mentre le loro Parole sono protette dal nostro primo Emendamento, le loro Azioni e il loro Movimento non devono essere autorizzate ad aver luogo. Il Silenzio delle Organizzazioni americani islamiste quali il CAIR (Council on American-Islamic Relations) e ISNA (the Islamic Society of North America) nel condannare le Ideologie di Hizb ut-Tahrir e il suo Programma di Insurrezione in America, parla largamente da sé, ovvero, siamo di fronte ad un ulteriore Programma islamista camuffato”.

Gli Sforzi di HT di riabilitare la sua Immagine non saranno aiutati dal Tono minaccioso usato Domenica. Un Organizzatore, nel tardo Pomeriggio, ha suggerito che le Forze industriali moderne potrebbero cadere nelle Mani degli Islamici così come la Mecca è caduta nelle Mani di Mohammed circa 1'400 Anni fa.

Un Oratore, identificato dagli Organizzatori della Conferenza quale Imam Jaleel Abdul Adil ha detto che “se ci offrono il Sole, o la Luna, o una bella Alba, o un Passaporto, o una Casa nei Sobborghi, o persino un Posto per pregare al Lavoro, alla Condizione che noi la smettiamo di chiamare al completo Sistema di Vita islamico – non lo faremo mai – a meno che e finché l’Islam non diventi vittorioso oppure che noi non moriamo nel Tentativo di farcelo diventare” (Video  here ).

Più tardi, il seguente Dialogo è sorto fra l’Imam e un Membro dell’Auditorio, in merito al Fatto se la Shari’a o la Costituzione dovrebbe essere la Legge suprema nel Paese degli Stati Uniti (Video  here ):

Membro dell’Auditorio: “Lascereste perdere la Costituzione per la Shari’a, sì o no?”

Imam: “In merito al Mondo islamico? Sì, sarebbe lasciata perdere”

Membro dell’Auditorio: “E così, se gli Stati Uniti fossero Mondo islamico, la Costituzione sarebbe lasciata perdere?”

Imam: “Se gli Stati Uniti fossero Mondo islamico, gli Islamici che sono qui chiederebbero la Shari’a e sarebbero felici di vederla applicata; sì, la lasceremmo perdere”

Membro dell’Auditorio: “E la Costituzione sarebbe persa. Questo è tutto”

Imam: “Sì, perché gli Islamici la lascerebbero perdere”

Mentre il Messaggio controverso di Hizb ut-Tahrir ha attratto Dimostranti e l’Attenzione di alcuni Media, il Gruppo almeno parla apertamente delle sue Ambizioni. Non solo è determinato a distruggere il Capitalismo, ma eliminerebbe pure la Costituzione degli Stati Uniti in Favore della Legge della Shari’a.

Fonte: http://www.investigativeproject.org/1100/hizb-ut-tahrir-shariah-tak...
Bin Laden mente all’Occidente per diffamare Israele
Mercoledì 16 Settembre 2009 - Tawfik Hamid

Ho udito l’ultima Registrazione di Osama bin Laden in Arabo, su Al-Jazeera TV. Lui l’ha rilasciata in Memoria dell’11 Settembre. È stato chiaro che bin Laden stesse cercando di convincere l’Auditorio occidentale che l’Attacco alle Torri Gemelle dell’11/9, e il più grande Fenomeno di Violenza islamista, sono stati causati dal Conflitto arabo-israeliano. Ha opinato che la Terra di Palestina appartiene agli Islamici piuttosto che agli Ebrei, e che gli Islamici non dimenticheranno mai Ciò.

Questa Registrazione ha sollevato qualche Domanda a cui è necessario rispondere:

 bin Laden sta cercando di convincerci che i suoi Seguaci jihadisti in Iraq, Algeria, e Pakistan – che fanno esplodere Moschee, si fanno detonare a Funerali islamici per uccidere Innocenti, e decapitano i loro Compagni islamici – stanno commettendo queste barbariche Atrocità a Causa del Conflitto arabo-israeliano?

 Se la Causa del Terrorismo contro l’Occidente è il Conflitto arabo-israeliano, perché i Cristiani del Medio Oriente, che vivono sotto le stesse Circostanze, non commettono Bombardamenti suicidi e non attaccano Obiettivi occidentali come fanno i loro Compagni islamici?

 Se la Causa del Terrorismo islamico è l’”Occupazione” del Territorio arabo, come ha dichiarato bin Laden, Come può spiegare i bassi Livelli di Terrorismo contro l’Occidente fra gli Anni 1967 e 1993, Quando i Palestinesi hanno iniziato a prendere più Controllo sul West Bank e su Gaza, come stipulato negli Accordi di Oslo? Durante i Periodo pre 1993, Israele controllava pienamente il West Bank e Gaza, ma il Terrorismo islamico era molto meno comune di quello che vediamo in questi Giorni. In Breve, gli Attacchi terroristici da Parte di Islamici radicali sono diventati molto più frequenti Dopo che Israele ha iniziato a ritirarsi da queste Aree, cedendole al Controllo palestinese.

 Se bin Laden sta usando l’Islam nelle sue Giustificazioni e sta cercando di convincere i suoi Seguaci che egli è un buon Islamico, che segue il Corano, perché egli non applica i Versi coranici che dichiarano chiaramente e senza Ambiguità che la Terra Santa appartiene ai Figli di Israele? Questi includono i Versi seguenti:

Corano 17:104: E abbiamo detto perciò ai Figli di Israele: “Restate sicuri nella Terra Promessa”.

Corano 26:59; 5:21: Oh mia Gente! Entrate in Terra Santa che AlLah ebbe assegnato a voi (quale Patto).

Corano 7:137: E noi (Dio) facemmo un Popolo, considerato Debole (per Esempio, i Figli di Israele), erede delle Terre sia ad Est che ad Ovest, Terre su cui abbiamo inviato le nostre Benedizioni. La giusta Promessa del tuo Dio è stata mantenuta per i Figli d’Israele, perché essi hanno avuto Pazienza e Costanza, e abbiamo raso al Suolo i grandi Lavori e i raffinati Edifici che il Faraone e la sua Gente hanno eretto (con tanto Orgoglio).

Così, secondo il Corano stesso, la Terra Santa è la Terra promessa agli Ebrei, data a loro quale Patto ed è Eredità loro. Com’è che bin Laden ignora questi Versi senza Ambiguità, del Corano?

Se bin Laden rigetta questi Versi del Corano, dovrebbe essere considerato un Apostata, e perciò egli DEVE essere ucciso, secondo la sua stretta Interpretazione della Legge della Shari’a!

Ulteriori Domande:

 se Gerusalemme appartiene agli Islamici, perché non è menzionata testualmente nel Corano, nemmeno una Volta? Al Contrario, è citata nella Bibbia centinaia di Volte.

 Gli Islamici dichiarano che Gerusalemme è loro, perché il Profeta Muhammad l’ha visitata una Volta nella sua Visione dell’Israa. Ma gli Ebrei sono vissuti a Gerusalemme per migliaia di Anni e hanno costruito un Regno nella Terra d’Israele, ben prima che il Profeta Muhammad la vedesse. La Declamazione della Terra da Parte della Gente ebrea è perciò basata sulla Realtà, piuttosto che su delle Visioni. Se le Visioni sono prese in Considerazione, gli Islamici accetterebbero l’Idea che i Baha’i, per Esempio, possano legittimamente rivendicare la Mecca, se uno dei loro Profeti l’ha vista una Volta, nella sua Visione?

 Bin Laden e i suoi Fratelli islamici hanno distrutto il Tempio buddista in Afghanistan, lapidato le Donne fino alla Morte per Adulterio, e bruciato le Facce di giovani Ragazze che vanno a Scuola, per impedire loro di ricevere un’Educazione. Pure queste barbariche Atrocità sono dovute al Conflitto arabo-israeliano?

Attendo che il Signor bin Laden risponda a queste mie semplici Domande!
Il Dr. Tawfik Hamid è l’Autore di "Inside Jihad." È stato un Ex-associato del Dr. AlZawahiri (secondo Comandante di AlQaida) e attualmente è un Riformista dell’Islam. Per saperne di più su Hamid prego visitare: www.tawfikhamid.com. Gli Scritti di Hamid su questo Blog rappresentano solo i suoi Pensiero e non i Punti di Vista dell’Istituto in cui lavora.

© 2009 Newsmax. Tutti i Diritti riservati.

Fonte: http://www.newsmax.com/tawfik_hamid/bin_laden_israel_palestin/2009/...
“Così che l’Islam non muoia” – “Hatta la Yamutu’l Islam”
Di Jacob Thomas

Non potevo credere ai miei Occhi! Come potrebbe permettersi uno qualsiasi degli Intellettuali arabi di scrivere un Articolo serio con questo Titolo shockante: “Così che l’Islam non muoia” حتى لا يموت الإسلام “Hatta la Yamutu’l Islam”? L’ho letto l’ultimo Giorno di maggio 2009 sul Sito kwaitiano: www.kwtanweer.com

Lo Scrittore ha manifestato una gran Preoccupazione in merito al Sottosviluppo nel Mondo islamico, attribuito all’Incapacità degli Islamici di rompere con la loro Interpretazione tradizionale del Corano. Al fine di confrontarsi con le Sfide della Modernità, ha chiamato gli Islamici ad adottare un’Ermeneutica illuminata verso il Corano, una Prescrizione che è in effetti piuttosto rivoluzionaria. È giunto a dire che a meno che un simile Passo non sia intrapreso, l’Islam non sopravviverà! È stata questa ferma Convinzione che gli ha fatto scegliere questo Titolo per il suo Articolo!

Qui ci sono degli Estratti tradotti del Saggio dell’Autore:

“Questo è il mio Articolo conclusivo di una Serie che ha a che fare con il Soggetto dello Sviluppo. Per realizzare questo Obiettivo è richiesta una Mente aperta e la Liberazione da queste Posizioni fisse e fantasiose che hanno offerto Soluzioni già pronte a tutti i Tipi di Problemi umani. Dobbiamo realizzare che l’Islam tradizionale, con la sua Visione mondiale totalitarista, si frappone sulla Via del Progresso e dello Sviluppo. Una genuina e seria Riforma può aver luogo solo adottando una completa Separazione fra AlLah e Muhammad; AlLah è un assoluto ed immutabile Essere, mentre il Profeta non lo è. È vero che Muhammad è stato il primo Fondatore della Ummah islamica, ma in quanto ad Essere umano, ha agito all’interno del Contesto culturale e politico dei suoi Giorni. Perciò, tutti i Testi che il Profeta ha portato, incluso il Corano, sono Testi puramente storici, e in quanto tali, non possono essere considerati assolutamente autentici ed accurati.”

“Il nostro Problema non risiede in un Credo in merito all’Esistenza di Dio. Una Persona può essere un Credente e libero allo stesso Tempo. Il vero Problema è quel Credo in una Persona o in un Gruppo di Persone che reclamano di essere Rappresentanti di AlLah. Questa Fede deve essere rigettata prima che qualsiasi genuina Riforma possa prendere posto. Prendete, per Esempio, la Cristianità protestante. Confessa la Divinità del Cristo e allo stesso Tempo, non riconosce una Persona che agisca quale suo Rappresentante in Terra. Questo ha permesso ai Protestanti di adorare Cristo secondo le loro Convinzioni, mentre allo stesso Tempo ha lasciato che le Questioni mondane fossero trattate in Modo secolare. Concludiamo che la Separazione della Religione dalla Politica è un sine qua non, per la Nascita di una Religione progressista e non-totalitarista.”

“Per riassumere la mia Tesi; sarebbe difficile ed impensabile per gli Islamici di rigettare o abbandonare la loro Religione al fine di realizzare Progresso e Sviluppo. La miglior Soluzione per la loro Predicazione è di spogliare l’Islam di tutti i suoi Impulsi totalitaristi.”

Rinfresca leggere di Articoli di Islamici intellettuali che sono molto desiderosi di vedere l’Islam liberato dalle Catene dei suoi Attaccamenti a quegli Elementi rigidi ed irrazionali della loro Eredità religiosa. L’unico modo per le Nazioni arabe di far fronte alle Sfide del ventunesimo secolo è di rompere completamente con la loro Ermeneutica tradizionale verso il Corano.

Ma cosa mi ha colpito di più in merito a questo Saggio dell’Autore è stata la sua Visione del Corano stesso. Come l’ha espresso: “Perciò, tutti i Testi che il Profeta ha portato, incluso il Corano, sono Testi puramente storici, e in quanto Tali, non possono essere considerati assolutamente autentici ed accurati.”

A chiunque l’Arabo e la Storia della Teologia islamica siano familiari, queste Parole suonano estremamente radicali, persino rivoluzionarie. Notare come ha formulato questa Visione del Corano, non quale Libro che è sceso su Muhammad, ma quale Libro che il Profeta ha portato, e che è parte degli altri sacri Testi dell’Islam, quali gli Ahadith!

Lo Scrittore è andato oltre le Visioni dei Mu’taziliti del nono secolo, che negavano la Natura eterna del Corano, e hanno sottolineato la sua Natura storica. Egli ha suggerito un’Ermeneutica che permetterebbe un’”alta Critica” del Corano, per lo Sviluppo di un Islam più gentile e compassionevole!

A questo Punto realizzo che un Occidentale che legge la mia Traduzione di questo Articolo potrebbe non rimanere impressionato completamente dal suo Impatto. Ma a leggerlo in Arabo non è altro che sentire il pieno Impatto di una Proposta che potrebbe scuotere i Fondamenti basici dell’Islam, ovvero che Muhammad è stato il Recipiente delle Parole di AlLah. Per un Islamico ortodosso, sia sunnita che shi’ita, la Prescrizione dell’Autore è impensabile e conduce ad essere kufr (miscredente), per Esempio per assoluta Blasfemia
.
In ultima Analisi, il Dilemma per l’Islam può essere risolto solo dagli Islamici.

I Non-islamici possono studiare e riflettere la sua Storia e le Sfide che ha affrontato l’Islam durante gli ultimi quattordici secoli. Non possiamo che simpatizzare con l’Autore e apprezzare la sua “modesta Proposta” per la Sopravvivenza dell’Islam nel nostro Mondo globalizzato. È assolutamente convinto che a meno che gli Islamici non adottino una nuova Ermeneutica, mentalmente aperta, il loro Futuro rimane in Dubbio.

Nota

Di seguito la Traslitterazione delle Parole dell’Autore in merito alla sua Visione della Natura del Corano:

Inna’l bidaya li-ay Islah Islami jad, hua al-fasl al-tam bayna’l Allah wa’l-Nabi. Fal’Allah mutlaq, baynama al-Nabi laysa kathalika. Innahu wala shak mu’assess al-Umma al-awwal, walakinnahu bashar, kana ya’malu dimna’l itari al-thaqafi wal-siyassi lizamanihi, wa-bittali fa-inna kaffat al-nusoos allati ja’a biha al-Nabi, bima feeha al-Qur’an, hiya nusoos tarikhiyya bahtat, wa-laysat nusoos sahihat bishaklen mutlaq.

.إن البداية لأي إصلاح إسلامي جاد هو الفصل التام بين الله والنبي، فالله مطلق بينما النبي ليس كذلك. انه ولا شك مؤسس الأمة الأول ولكنه بشر كان يعمل ضمن الإطار الثقافي والسياسي لزمانه وبالتالي فان كافة النصوص التي جاء بها النبي بما فيها القرآن هي نصوص تاريخية بحتة وليست نصوص صحيحة بشكل مطلق.
Articolo originale del 31.5.2009: http://www.kwtanweer.com/articles/articleforprint.php?articleID=2242

Fonte: http://www.faithfreedom.org/2009/07/12/%e2%80%9cso-that-islam-might...

***

Aiutate gli Islamici a fuggire dalla Tirannia della Legge della Shari’a
10 luglio 2009

Sarebbe tanto terribile se i Tribunali della Shari’a esistessero in Olanda? Sì (Yes), dice Nahed Selim, dobbiamo smetterla di fare Concessioni ai Fondamentalisti islamici. No (No), dice Maurits Berger, abbiamo già i “Tribunali” ebraici e cattolici.
Di Nahed Selim

[In Risposta a: Let Muslims have their sharia courts (Lasciate che gli Islamici abbiano i loro Tribunali della Shari’a)]

La Legge della Shari’a in Olanda potrebbe non essere praticata in effettivi “Tribunali della Shari’a”, ma cambia poco. La Questione è che le Regole islamiche in merito al Matrimonio, il Divorzio, la Custodia, l’Autorità parentali, gli Alimenti e l’Eredità sono implementate secondo la Shari’a, e ciò contraddice la Legge olandese.

Il più chiaro Esempio di ciò è la Poligamia. I Matrimoni sono contratti e dissolti nelle Moschee olandesi, inclusi i Matrimoni poligamici. Il 19 settembre 2008, il Giornale De Telegraaf ha riportato che 173 Uomini ad Amsterdam sono registrati come aventi due Mogli legali, fra cui due Uomini ne hanno addirittura tre. Un Portavoce per la Città di Rotterdam ha ammesso su NRC Handelsblad lo scorso anno che i Matrimoni poligami sono registrati in quella Città su base perlopiù settimanale.

È un Peccato che gli Uffici di Statistica nazionale rigettino automaticamente (di registrare) questi Matrimoni perché ritengono che siano degli Errori. A Causa di ciò non ci sono Dati nazionali sulla Poligamia in Olanda. (La Poligamia non-registrata è probabilmente persino più vastamente diffusa).

Lo stesso vale per Matrimoni con Ragazzine minorenni. Essi sono perlopiù non-registrati, ma a Volte lo sono. In ogni Modo, secondo le Statistiche nazionali, essi non esistono.

In un certo Modo, noi abbiamo già due Sistemi legali paralleli: alcune Cose sono illegali per i Non-islamici, ma non per gli Islamici. Questo è tipico dell’Attitudine olandese in merito all’Islamizzazione della Società olandese. Le Cose stanno succedendo in modo che il Governo non ne sappia o non ne voglia sapere. Le Statistiche vengono semplicemente gettate vie: Caso chiuso.

I Verdetti degli Imam non dovrebbero essere tollerati dalla Società olandese, persino se vengono emessi dietro le Quinte delle Moschee. Che i Cattolici e gli Ebrei facciano la stessa Cosa – come dice Berger – è affare loro. Presumibilmente i loro “Tribunali” (cattolici ed ebraici) non impongono la Decapitazione per gli Eretici o per gli Omosessuali, oppure non condonano il Fatto che i Mariti picchino le loro Mogli disobbedienti.

La Legge della Shari’a è in Tutto discriminante verso le Donne:

- ad una Donna non è permesso sposare un Non-islamico [mentre l’Uomo può sposare una Non-islamica];

- alla Donna non è permesso divorziare senza il Beneplacito del Marito. Da parte sua, il Marito può sganciarsi dalla Moglie in qualsiasi Momento egli voglia (un Tribunale della Shari’a in Malesia ha regolato che un Messaggio che dice “Ti ripudio” è sufficiente);

- [per il Divorzio,] se egli cambia Idea entro tre mesi può prendersi indietro la Moglie. Può fare così fino a tre Volte;

- la Custodia va sempre al Padre: la Madre può crescere i Figli, ma egli ha sempre l’ultima Parola;

- ci sono migliaia di Casi di Divorzio nei Paesi islamici in attesa di un Giudizio da parte di un Tribunale della Shari’a. Inutile dire che sono Casi istigati dalla Donna. Gli Uomini non hanno bisogno dell’Approvazione di un Tribunale (per divorziare), e questo nella maggioranza dei Paesi islamici.

Per tutti questi Motivi mi oppongo alla Legge della Shari’a in Olanda. Secondo la Legge della Shari’a, una Donna vale la Metà di quanto valga un Uomo.

Non possiamo lasciare che ciò accada in Olanda. Le Moschee che praticano la Legge della Shari’a devono essere chiuse. Il Ministro dice che non c’è alcun Motivo legale per fare ciò, ma c’è: la Corte europea a Strasburgo, il 13 febbraio 2003, ha giudicato che la Legge della Shari’a viola i Principi della Democrazia. Il Giudizio è giunto quale Risultato di un Caso d’Appello portato dal Partito turco Refah - che è stato vietato -, contro lo Stato turco.

Il Verdetto dovrebbe fornire tutti i Motivi legali perché le Autorità olandesi chiudano le Moschee che hanno effettivamente introdotto la Shari’a. I Regolamenti europei hanno precedenza sui Tribunali olandesi.

La Permissività dei Politici olandesi verso i Fondamentalisti islamici deve cessare, per il Bene degli Islamici moderati. Permettere un Sistema di Giustizia parallelo, cementificherebbe semplicemente i Ghetti esistenti.

Persino se la Metà degli Islamici olandesi dicono di essere in favore dell’Introduzione della Legge della Shari’a, resta un’altra Metà che non lo è. Questa altra Metà è un miglior Alleato perché non è ostile all’Occidente; vuole semplicemente vivere secondo le stesse Leggi che vengono applicate agli altri Cittadini.

È sufficiente consultare Siti quali "Muslims against sharia" (Islamici contro la Shari’a), "Women against sharia" (Donne contro la Shari’a), "Women living under Muslim laws" (Donne che vivono sotto le Leggi islamiche), "No sharia" or "One law for all" (Una Legge per Tutti) per scoprire che c’è Gente, tutto attorno al Mondo, che sta lottando per fuggire alla Tirannia della Legge della Shari’a.

Se volete aiutare gli Islamici, dovete aiutare il Gruppo giusto di Islamici, non i Fondamentalisti che hanno l’Intenzione di far crescere la prossima Generazione sotto un’Ideologia misogina.

Fonte: http://www.nrc.nl/international/article2296923.ece/Help_Muslims_esc...
Jean-François Revel : Il Mito dell’Islam tollerante
15/06/2009

Preso da drzz.info : Un Estratto de “L’Ossessione americana”, Plon, 2002, di Jean-François Revel, dell’Accademia francese.

[IMMAGINE] Cartelli: “Trinità del Male: Crociata occidentale contro l’Islam”

Ciò che detta la Visione del Mondo degli Islamici, è che l’Umanità intera deve rispettare gli Imperativi della loro Religione, mentre essi stessi non devono alcun Rispetto alle Religioni degli Altri, poiché diventerebbero allora dei Rinnegati che meritano l’Esecuzione immediata. La “Tolleranza” islamica è a Senso unico. È quella che gli Islamici esigono per essi soltanto e che non mostrano mai verso gli Altri. Preoccupato di mostrarsi tollerante, il Papa ha autorizzato, incoraggiato persino, l’Edificazione di una Moschea a Roma, Città dov’è seppellito San Pietro. Ma non si entrerebbe nemmeno in Merito alla Costruzione di una Chiesa alla Mecca, o in qualsiasi altro Luogo dell’Arabia Saudita, in quanto si profanerebbe la Terra di Maometto. Ad ottobre 2001, delle Voci islamiche ma pure occidentali, non hanno cessato d’invitare l’Amministrazione americana a sospendere le Operazioni militari in Afghanistan, durante il Mese di Ramadan, che sarebbe iniziato a Metà novembre. Guerra o non Guerra, la Decenza – direbbero i ben-intenzionati – impone un certo Riguardo per le Feste religiose di Tutti. Bella Massima, salvo che gli Islamici se ne ritengono esentati. Nel 1973, l’Egitto non ha esitato ad attaccare Israele il Giorno stesso del Kippur, la più importante delle Feste religiose ebraiche, Guerra che è restata nella Storia precisamente sotto l’Appellativo di “Guerra del Kippur”.

Il secondo Altarino del Mito dell’Islam tollerante consiste nel sostenere altamente che la maggior Parte delle Popolazioni islamiche disapprova il Terrorismo, e in primo Luogo la stragrande Maggioranza degli Islamici residenti nei Paesi democratici – o Cittadini d’essi – d’Europa o d’America. I Muftì o Rettori delle principali Moschee in Occidente si sono specializzati in queste Rassicurazioni soavi. Dopo ogni Attentato omicida, per Esempio in Francia nel 1986 e nel 1995, o dopo la Fatwa ordinante di uccidere Salman Rushdie nel 1989 o Taslima Nasreen nel 1993 per “Blasfemìa”, non sembrano essere in Grado di garantire che le loro Comunità religiose, di cui sono spiritualmente responsabili, siano forzatamente moderate. Negli Ambienti politici e mediatici, li si lascia parlare, per Paura che essi ci strangolino facendoci passare per Razzisti, sebbene si stia solo constatando i Fatti. Come dice anche Ibn Warraq: “Il Lassismo degli Occidentali mi spaventa tanto quanto gli Islamisti”.

[IMMAGINE] Europa: impara da quello che è successo l’11 settembre (in America)!

Così, il Quotidiano Le Parisien-Aujourd’hui (Il Parigino di Oggi), nel suo Numero del 12 settembre 2001, pubblica un Reportage sull’Atmosfera di Esultanza che è regnata durante tutta la Serata dell’11 nel XVIII. Circondario di Parigi, dove vive un’importante Comunità islamica: “Bin Laden, egli vi annienterà! Abbiamo iniziato dall’America, dopodiché sarà la Francia”. Queste erano le tipiche Espressioni “moderate” indirizzate ai Passanti le cui Fattezze sembravano indicare che non fossero Maghrebini. O ancora: “Festeggerò ‘sta Sera poiché non vedo questi Atti (gli Attentati di New York e Washington) come un’Impresa criminale. È un Atto eroico. Ciò darà una Lezione agli Stati Uniti. Voi, i Francesi, vi faremo saltare tutti (pe’ l’Aria)”.
Questo Reportage del Parisien non ha avuto Equivalenti in alcun altro Organo di Stampa scritta e è stato passato sotto Silenzio dalla quasi Totalità dei Media. In ogni Caso, Ascoltatore assiduo, ogni Mattina, delle diverse Riviste della Stampa radiofonica, l’ho udito citare in Nessuna di loro, salvo Errori, questo 12 settembre.

[IMMAGINE] Cartelli: “Islam conquisterà Roma”; “Gesù è lo Schiavo di AlLah”

Malgrado l’Imprecisione delle Statistiche, si considera che la Popolazione vivente in Francia conta fra i quattro e i cinque Milioni di Islamici. È la Comunità islamica più numerosa d’Europa, seguita, molto lontanamente, da quella di Germania e di Gran Bretagna. Se “la stragrande Maggioranza” degli Islamici fosse moderata, come pretendono i Muftì e i loro Seguaci mediatico-politici, mi sembra che questo si noterebbe un po’ di più. Per Esempio, dopo le Bombe del 1986 e del 1995 a Parigi, che uccisero diverse decine di Francesi, ferendone molti altri, si sarebbero potuti trovare, su quattro milioni e Mezzo, fra cui una buona Parte aveva la Nazionalità francese, qualche migliaio di “Moderati” per organizzare una Manifestazione e sfilare dalla Repubblica alla Bastiglia o sulla Canebière. Nessuno ne ha mai visto nemmeno l’Ombra.
In Spagna, delle Manifestazioni di centomila Persone hanno avuto Luogo, nel 2001, per accusare gli Assassini dell’ETA militare. Si sono svolte non soltanto nell’Insieme del Paese, ma nello stesso Paese basco, dove i Manifestanti potevano temere delle Rappresaglie, nonostante i Partigiani terroristi fossero effettivamente fortemente una Minoranza, come l’hanno dimostrato le Elezioni regionali di novembre 2000.
Se, con Buonsenso, gli Islamici moderati in Francia osano così poco mostrarsi, la Ragione non sarebbe che sanno di essere loro la Minoranza in seno alla loro Comunità, e non gli Estremisti? Ecco perché essi sono moderati … con Moderazione. Accade lo stesso in Gran Bretagna, dove si è visto, nel 1989, gli Islamici – per la maggior Parte d’Origine pakistana -, scatenarsi per urlare alla Morte di Salman Rushdie, ma non si è visto alcuno di loro protestare contro queste Grida barbare. Dopo l’11 settembre, tale Portavoce qualificato degli Islamici britannici, ElMisri, ha definito gli Attentati contro le Torri del World Trade Center come degli Atti di “legittima Difesa”. Tal altro, Omar Bakri Mohammed, ha lanciato una Fatwa ordinante di uccidere il Presidente del Pakistan, colpevole di avere preso Posizione in Favore di George Bush contro Bin Laden. Ognuno ha avuto un bel tendere le Orecchie, ma Nessuno ha inteso la minima Folla “moderata” islamo-francese protestare nelle Strade contro questi Appelli, perché non esiste alcuna Folla “moderata” islamo-francese. La Nozione che “la stragrande Maggioranza” degli Islamici fissati in Europa sarebbe moderata si rivela essere nient’altro che un Sogno, cosa che è stata messa in Luce durante i due Mesi che sono seguiti agli Attentati contro gli Stati Uniti.

Fonte: http://www.drzz.info/article-16613549.html
Gli Islamici radicali abusano del Sistema di legislazione occidentale per portare avanti il loro Progetto di jihad
Dr. Sami Alrabaa – 25 giugno 2009

Quando i Simboli religiosi cristiani e ebraici sono criticati, satirizzati, la maggior parte della gente se ne frega. Nessuno si mette in strada a dimostrare violentemente contro i “colpevoli”. Una lunga Storia d’Illuminismo e Libertà ha segnato la maggioranza dei Cristiani e degli Ebrei. Essi accettano la Libertà religiosa quale fatto civilizzato della vita.
Ciò, comunque, non si applica agli Islamici radicali. Essi sfruttano il Sistema legislativo liberale occidentale e, più recentemente, le Leggi sulla Blasfemia, specialmente in Europa, per portare avanti il loro Progetto di jihad.
Dopo Casi legali iniziati da zelanti Islamici contro Geert Wilders in Olanda, Rachel Ehrenfeld nel Regno Unito, e tanti altri Critici dell’Islam, un nuovo Caso spunta in Austria. Susanne Winter, un Membro del partito austriaco FPÖ, e Membro del Parlamento, è stata recentemente sentenziata a 3 mesi di prigione e ad una multa di 24'000 Euro.
Il “crimine” della signora Winter è stato semplicemente un’osservazione, e questa deve essere tollerata in una Società che crede nella Libertà religiosa e civile. La signora Winter ha detto: “Se il profeta Muahmmad fosse vivo, sarebbe accusato quale Abusatore di bambini”, che è vero. Muhammad ha sposato Aisha, una bambina di nove anni, e ha consumato questo matrimonio anni prima che lei avesse la sua prima mestruazione. E questo è un chiaro Caso di Abuso su bambini.
Il Giudice, il signor Mr. Schwentner, ha commentato con una frase testuale: “È oltraggioso diffamare una Religione diffusamente stabilita”.
L’Austrian OE24 TV e altri Mezzi mediatici apologeti, hanno ben accolto la conduzione del Tribunale e hanno considerato la signora Winter responsabile per qualsiasi “rappresaglia” da parte di Terroristi islamici.
Il “Globale islamische Medienfront” (GIME) (Fonte mediatico islamico globale) a Vienna ha pubblicato una Minaccia di morte sul suo Sito, dicendo: “Uccidere Winter è il Diritto e il Dovere di ogni Islamico”. Il Blog Muslimwelt ha pure chiamato all’uccisione della “strega Winter”. Un commentatore della tedesca Deutschlanfunk ha detto: “Gli Islamisti domandano la testa di Winter! Nessuna sorpresa, lei li ha insultati”.
Molti Politici austriaci e Media ufficiali si sono affrettati a condannare la signora Winter, ed hanno ignorato il fatto che lei stava semplicemente facendo uso del suo Diritto alla Libertà d’Opinione, che è garantito dalla Costituzione statale. Per gli Apologeti in Austria e Germania, la Winter è “colpevole”. Lei ha provocato le Minacce di morte. Ovviamente, questa gente se ne frega della Costituzione, tanto quanto si preoccupa della “Sensibilità” fanatica degli Islamici radicali.
Persino il Presidente austriaco, il signor Heinz Fischer, ha condannato la signora Winter e ha etichettato la sua affermazione come “inaccettabile”.
In altre parole, gli Apologeti austriaci stanno dicendo agli Estremisti islamici: “Avete ragione. La Winter ha torto”.
Il numero in aumento di Casi legali contro Critici dell’Islam (per princìpi e pratiche) mostrano molto bene il confronto fra i princìpi occidentali della Libertà religiosa da una parte, e le tattiche jihadiste di censura e soppressione dell’informazione in merito all’Islam radicale, dall’altra.
Lo scopo è molto chiaro: la Libertà religiosa deve essere messa a tacere e la critica dell’Islam radicale e degli islamici deve essere etichettata di Razzismo e Diffamazione contro una “Religione stabilita”.
Leggi sulla Blasfemia nel Regno Unito, Austria, Paesi Bassi, Svizzera, e Germania hanno aggiunto la beffa al danno, e stanno aiutando i Jihadisti a portare avanti la loro Agenda teocratica.
Gli Islamici radicali hanno scoperto nel Sistema legislativo liberale occidentale un forum pubblico e uno strumento legale per posizionare loro stessi e i loro Credo radicali quali vittime dell’”Islamofobia”.
Nelle decadi passate, il numero di Casi legali iniziati da Islamisti contro i Critici è andato aumentando e ottenendo prevalentemente successo. La tattica è molto chiara: far tacere i Critici dell’Islam.
Per evitare perdite di tempo, bancarotta, e di correre il rischio di essere ammazzati da Islamici fanatici, alcuni Critici preferiscono dar ragione ai loro Accusatori, indipendentemente dal merito delle loro critiche.
Alcuni Critici dell’Uomo d’affari benestante saudita, Khalid Bin Mahfouz, i quali l’hanno collegato al finanziamento dei Terroristi islamici,, hanno optato per pagare multe fuori dal Tribunale di Londra. Alcuni di loro hanno pagato contributi alle sue “Organizzazioni caritatevoli”.
E pure, Editori ufficiali si permettono di non pubblicare libri che potrebbero urtare la “Sensibilità” degli Islamici radicali. Il Gruppo editore Random House, ha ritirato The jewel of Medina (Il gioiello di Medina) di Sherry Jones per paura di “offendere” e “provocare” violente rappresaglie.
Dopo l’11 settembre, i Legislatori occidentali, i Tribunali, e i Media ufficiali, sono semplicemente rimasti intimiditi dagli Islamici radicali. Per evitare un’atrocità, e ulteriori bombe-suicide e auto-bome nelle Città occidentali, essi cercano di compiacere gli Islamici radicali con argomentazioni apologetiche.
Sembra che egregie Leggi strette sulla Blasfemia usate in Arabia Saudita, Sudan, Pakistan, Egitto, Somalia, Kuwait e altrove in Stati islamici, siano state copiate dai Tribunali occidentali. Persino Capi di Stato occidentali come Obama e Ministri come Schäuble, il Ministro degli Interni germanico, instancabilmente e ipocritamente lodano quanto pacifico sia l’Islam.
In Arabia Saudita, le persone che insultano l’Islam vengono decapitate. In Sudan, un Docente britannico che ha chiamato un orsetto Muhammad, è stato imprigionato. I Critici islamici dell’Islam radicale vengono proseguiti. Pensate a Nasser Hamed Abu Zeid.
Pensatori arabi e islamici e Scrittori si rivolgono ad Internet per criticare l’Islam radicale e i Jihadisti. Guardate: “Al Hiwar Al Mutameden.”
Invece di promuovere questi Siti, invece di supportare i Critici arabi e islamici dell’Islam radicale, l’Occidente allinea sé stesso agli Oppressori della Libertà di Religione, e perseguono Critici occidentali come la signora Winter, il signor Wilders, e altri.
Ed è ancora peggio: mentre le Autorità germaniche, per esempio, vietano la Propaganda di Gruppi estremisti dell’ala destra dello spettro politico, essi chiudono un occhio sulla Propaganda islamista che è peggio, che incita all’Odio e alla Violenza.
In Germania, il Concilio cittadino di Colonia ha approvato la costruzione di una delle più grandi moschee d’Europa, finanziata largamente dall’Arabia Saudita, che non solo vieta ai Non-islamici di avere i loro propri Templi in Arabia Saudita, ma vieta loro persino di praticare la loro Religione.
Coloro che protestano contro questa moschea sono ritratti come “Fascisti”.
Ralph Giordano, un Ex-ebreo, e Mina Ahadi, una Ex-islamica, hanno condannato la decisione del Concilio.
In una Conferenza a Colonia, Giordano ha sottolineato che duecento Passaggi nel Corano incitano all’Odio e alla Violenza contro gli Ebrei: “Uccidi gli Ebrei, uccidili, uccidili!”. Ha pure detto: “L’hijab (velo), che Obama difende caldamente, è il primo passo verso l’indossare il niqab (velo sul viso) e più tardi il burqu’ (il chador afghano che va dalla testa all’alluce). Questo è l’Islam!”
“Un’enorme moschea come quella che gli Islamici vogliono costruire a Colonia è un marchio simbolico visivo di Violenza”, ha aggiunto Giordano.
Mina Ahadi ha fatto notare che i bambini di Scuola dell’Infanzia di genitori islamici sono obbligati ad indossare l’hijab: “Presumibilmente così che si abituino ad esso. Bambinetti sono obbligati ad indossare un Simbolo di Violenza e di Oppressione. Questo ha niente a che fare con la Libertà religiosa. Questo è un indottrinamento ed un Abuso di bambini”.
Ahadi ha silurato Wolfgang Schäuble, il Ministro degli Interni germanico, per essersi inchinato a Organizzazioni islamiche radicali che presumono di rappresentare gli Islamici in Germania: “Molti Islamici sono fuggiti dall’Oppressione islamica nei loro Paesi d’origine, venendo qui in Germania, e sono obbligati ad essere rappresentati dallo stesso tipo di Islam da cui sono fuggiti”, ha detto Ahadi.
Inoltre, Schäuble si contraddice quando da una parte dice che ci sono più di 20'000 Estremisti islamici che si aggirano liberamente in Germania e in Europa, e due terzi di Islamici che vogliono che la Shari’a sia introdotta in Germania, e dall’altra parte dichiara in un Discorso tenutosi all’Università del Cairo (17 giugno 2009) che l’80% di tutti gli Islamici crede nella Democrazia.
Come Obama, Schäuble sembra non avere la minima idea di cosa sia l’Islam. Tutti gli scritti dell’Islam, incluso il Corano e gli Ahadith, rigettano il concetto di Democrazia, e chiedono la shura (consultazione fra Potenti).
Obama e Schäuble e la loro stirpe stanno, per paura degli Islamici radicali, cercando di compiacere l’Islam radicale e sistemarlo nel mondo quale “Mentalità pacifica”.
Potter Stewart ha detto: “La Censura riflette la mancanza di fiducia della Società in sé stessa. È un segno distintivo di Regime autoritario”. Ovviamente, questo non si applica solo agli Stati islamici, ma anche sempre più agli Stati occidentali. Stanno censurando la Libertà religiosa in nome di un cimitero di pace.
Infine, Giordano ha detto nella citata Conferenza: “Uno può liberalizzare la Democrazia fino alla morte, abolendola per una Religione violenta come l’Islam”.
FamilySecurityMatters.org Editore contribuente Dr. Sami Alrabaa, Ex-islamico, Professore di Sociologia e Specialista di Cultura arabo-islamica (Arab-Muslim). Ha insegnato alla Kuwait University, alla King Saud University, e alla Michigan State University. Scrive pure per il Jerusalem Post.

Fonte: http://www.faithfreedom.org/2009/06/25/radical-muslims-abuse-wester...
Mohamad Ali AlAbdallah: ‘Lascio e non torno indietro’
Levant in Focus – 3 maggio 2009

Un’Intervista della World Association of Newspapers (Associazione mondiale di Testate giornalistiche) con Mohamad Ali Al-Abdallah, blogger, della Siria. Altre Interviste, Editoriali e fotografie che espongono Maltrattamenti, Minacce di morte e Censure che i Giornalisti affrontano nel Mondo intero, possono essere viste qui (WorldPressFreedomDay): on this page.

La Mancanza di Libertà di stampa in Siria ha plasmato la Vita di Mohamad Ali AlAbdallah. È stato detenuto, suo fratello sta scontando una Pena di 5 anni in una Località segreta, e suo padre sta finendo 1 anno di Detenzione. È recentemente fuggito dalla Siria e ha ricevuto lo Statuto di Rifugiato negli Stati Uniti. AlAbdallah è un chiaro Difensore dei Diritti umani tramite il suo largamente seguito blog ‘I’m leaving, I’m not coming back’ (‘Lascio e non torno indietro’).

AlAbdallah sto ora sfruttando la blog-Sfera per combattere al fine di ottenere un Cambiamento attorno al Mondo. Parla alla World Association of Newspapers.

Come il tuo Lavoro contribuisce allo Stabilimento o alla Difesa della Libertà di Stampa in Siria?

La Libertà d’Espressione è forse il Diritto più fondamentale, perché senza la Libertà d’Espressione non si può chiedere alcun altro Diritto. Comunque, va di mano in mano con la Libertà di Stampa, poiché la Stampa è la Voce meglio organizzata e istituzionalizzata del Popolo. Difendere i Giornalisti e la Stampa equivarrebbe a difendere la nostra stessa Voce, le nostre stesse Idee, e cosa più importante, la loro espressione in Fori pubblici. Dall’essere presenti alle Udienza al fine di supportare le famiglie dei Giornalisti imprigionati, tutti possono contribuire a Modo loro, al loro Livello.

Naturalmente, le mie Attività quale Difensore della Libertà di Stampa mi hanno messo a Rischio di Rappresaglia da parte del Governo. Esso ha infine colpito casa mia, quanto mio padre è stato spedito in cella dopo essere stato interrogato tre volte in tre anni, ma questo ha soltanto incrementato il mio Impegno perché posso veramente fare riferimento al Dolore e alla Paura.

I Blogs e Media nel tuo Paese sono in grado di superare la Censura del Governo al fine di esporre gli Abusi in campo dei Diritti umani, la Corruzione e i Tabù? Se sì, come?

In Siria, i Blogs e fondamentalmente qualsiasi cosa in Internet, sono strettamente scrutinati dal Governo, che non esita ad usare la Censura ovunque può. Mio fratello è in Cella per aver espresso il suo Punto di vista on-line e, due mesi fa, il mio Blog è stato censurato dal Governo. Ritengo che siamo in grado di superare il Governo grazie ai nostri numeri: chiunque può gestire un Blog, e molte persone hanno accesso ad Internet, così censurare tutto è impossibile. Di fronte alla Censura, al Quantità è più importante che la Qualità.

I Bloggers sono i nuovi Attori nella Sfera pubblica, e come sfidano le tradizionali Pratiche dei Media?

Penso che i Bloggers non sia qui per sfidare i Media tradizionali, ma piuttosto per completare il loro Punto di vista, offrendo diversi Aspetti dei una storia, e – per estensione – agire quale Punto di Controllo dello storico Monopolio dei Media tradizionali, in merito ad Informazione e Fatti. Per me, la più grande Differenza fra Bloggers e Giornalisti è che non c’è alcuna Regola o Censura nel Blogging. Non ti devi preoccupare del conteggio delle Parole del tuo Articolo e degli Editori che ti soffiano sulla schiena dicendoti cosa va bene e cosa no. Maggiormente importante, tu pubblichi esattamente quello che vuoi. Nessuno sceglie le tue Parole eccetto te stesso. Chiunque dalla Strada può riportare la Storia; Essa non è più nelle esclusive mani dei Media d’Élite.

Tu hai anche l’Agio, on-line, di creare diverse Identità per proteggere te stesso e il tuo Lavoro. I Giornalisti usano ancora Nomi di Penna, ma è difficile averne 20 diversi; on-line (invece), il Limite è il Cielo. Un altro Punto importante che ha definitivamente contribuito alla Legittimità dei Bloggers è il fatto che siamo arrestati, come i Giornalisti tradizionali, e sebbene sia imbarazzante, significa che stiamo facendo qualcosa di Giusto. Credo che una chiara Differenza – o piuttosto Evoluzione – sia la Tecnologia e più specificatamente, l’Accessibilità. Ci vuole veramente poco - persino in favore dello Sviluppo delle Nazioni - per trarre Informazioni dal Mondo; possiamo pubblicare istantaneamente delle foto dalla Strada, (prese) con il nostro telefono portatile, e possiamo scrivere il nostro Articolo mentre stiamo riprendendo.

Fonte: JP 'Blogs
Fonte originale: As In The Days of Noah
ESTRATTO DI ‘CULTURE D’ISLAM’, FRANCE CULTURE 13 MAGGIO 2007

Mohammed Sifaoui: ‘Islam, menzogna e telecamera nascosta’
[ http://www.youtube.com/watch?v=7vgemHOmBnc&feature=player_embedded ]

Malattia dell'Islam: strategia per sovvertire la Democrazia ed instaurare il Totalitarismo islamico

TRASCRIZIONE ABBREVITA E TRADUZIONE

Il Problema che ho visto con gli islamisti, un po’ ovunque nel mondo arabo-islamico, come in Pakistan, Maghreb, Egitto, e Europa Oggi, è che fanno il Doppio discorso.

Ci sono libri – di cui uno è un vero ‘Mein Kampf’, un manuale islamista - soprattutto per giovani - perché è soprattutto a loro che ci si rivolge - in cui si spiega che si ha il diritto di mentire ai non-islamici, che è una strategia di Guerra e che si è in Guerra con gli occidentali.

La taqyiah che è contenuta nello Shiismo, ma che è stata ripresa dai salafiti, è una Realtà fra gli islamisti.

Un islamista avvicinato da un Giornalista non dirà mai la Verità. Soprattutto se sa che la sua Verità è contro le Leggi locali.

Negano l'evidenza. Vi dicono una cosa e il giorno dopo, guardandovi negli occhi, vi diranno che non hanno mai detto ciò.

Mi è successo personalmente.

Vogliono farti passare per bugiardo e minare la tua credibilità. È una tattica islamista.

Uno scritto non è più sufficiente per dimostrare cosa fanno gli islamisti. Bisogna filmarli.

Senza ciò – anche se siete la persona meglio intenzionata al Mondo - cercheranno di demonizzare, marginalizzare e intaccare la vostra credibilità, facendovi passare per bugiardi.

E filmarli è quello che ho fatto.

Senza ciò la Società non avrebbe mai creduto a quello che avviene (fra gli islamisti/terroristi).

Nel caso delle vignette danesi, Rasmussen ha dovuto scusarsi; anche la Testata giornalistica in oggetto si è scusata in molte lingue; i Governi si sono pure scusati.

Dopo che la situazione sembrava calmarsi, dopo due mesi, 5 imam danesi hanno ricominciato ad accendere il fuoco in merito alle vignette.

Essi sostenevano: ‘Dobbiamo obbligarli a chiedere scusa davanti a tutta la Comunità islamica mondiale’.

C'è stato un islamico laico (Khader) – che era contro gli islamisti - di origine palestinese, che era candidato Ministro.

Gli imam hanno detto: ‘Se verrà eletto bisognerà mandargli un paio di kamikaze che lo facciano saltare in aria’.

Dietro questi discorsi si vede come gli islamisti utilizzino gli Accadimenti non per proteggere la loro Religione, e nemmeno per difendere la Memoria del Profeta, ma per ottenere Potere.

Le caricature sono per loro state un pretesto.

È la Logica con cui funzionano da tempo: utilizzare qualsiasi pretesto per rafforzare la loro Azione.
Come l'arte di legiferare islamista attacca la Libertà d'Espressione
Middle East Forum Legal Project 29.4.2009 Di Brooke Goldstein, Aaron Eitan Meyer

Gli autori americani che scrivono del Terrorismo e delle sue Fonti finanziarie sono al sicuro? I Consiglieri anti-Terrorismo della Polizia di New York sono al sicuro? Sono i Congressisti americani al sicuro quando riportano di Gruppi terroristici all'FBI o alla CIA? Sono i vignettisti che fanno parodia su Mohammad al sicuro dall'arresto? L'autore del Documentario che cita il Corano deve finire processato in Giordania per Blasfemia? Chi parla pubblicamente della minaccia dell'Islam radicale, è salvo da frivole e maliziose prosecuzioni che intendono farlo andare in bancarotta, punirlo e metterlo a tacere? Di questi Tempi la risposta è 'no'.

L'arte di legiferare è abitualmente definita come l'uso della Legge quale arma di Guerra (1), o il perseguimento di obiettivi strategici attraverso manovre legali aggressive (2). Abitualmente veniva usata per ottenere vantaggi morali sul Nemico, operando sull'Opinione pubblica in Tribunale (3) e per intimidire Capi di Stato dicendo loro che sarebbero stati accusati di Crimini di Guerra (4). I Manuali d'istruzione di AlQaeda insegnano a fingere d'essere stati torturati in modo da passare per vittime anziché carnefici di chi li ha catturati (5).

La Decisione del 2004 della Corte Internazionale di Giustizia delle Nazioni Unite, che ha definito i limiti di Sicurezza israeliani come Crimine contro l'umanità, ignorando che era un modo per proteggersi dagli Attentati terroristici, ne è un esempio (6). E l'arte di legiferare è avanzata guadagnando vantaggi morali in seno agli Stati e vincendo contro attori governativi. Nei passati 10 anni, abbiamo visto la tattica di legiferare islamista prendere di mira i Diritti umani in America del nord, e i civili europei, in modo da impedire la diffusione pubblica di informazioni sull'Islam radicale.

Il Movimento islamista

Il Movimento islamista è quello che vuole imporre la Shari'a come Autorità legale, politica, religiosa e giudiziale sia negli Stati islamici che in Occidente. Si muove a due livelli: quello violento con gli Attentati suicidi, e quello più morbido, utilizzando i Media, i Governi e i Sistemi giuridici, e attraverso la Shari'a finanziaria (7), come pure in seno ai Sistemi scolastici (8).

L'Islamismo, il motore che promuove i Valori promulgati da imam e Leaders islamici, anima sia Hamas e AlQuaeda, sia Organizzazioni quali il Congresso Islamico Canadese, il Circolo Islamico Nordamericano, e il Concilio delle Relazioni Americano-Islamiche (9).

Il Movimento islamista violento e quello più morbido, lavorano sia disgiunti, sia rafforandosi a vicenda. Per esempio, la Shari'a punisce chi critica l'Islam e fa tacere ciò che è considerato discorso blasfemo verso Mohammad. Mentre il Movimento violento fa tacere l'Espressione bruciando auto come nel caso delle vignette danesi, ammazzando un Regista come Theo Van Gogh, e forzando Pensatori come Wafa Sultan a nascondersi per proteggere la sua vita, il Movimento legale agisce a livello dei Tribunali occidentali, assoldando Avvocati e riducendo al silenzio i suoi Critici.

Jihad legale

Gli Stati, le Organizzazioni e gli individui islamisti, in possesso di mezzi finanziari, hanno lanciato la 'Jihad legale', aprendo maliziosi Casi legali sia in Tribunali americani che altrove, con l'intento di punire e ridurre al silenzio coloro che in Discorsi pubblici hanno criticato l'Islam. Quest'arma legale è stata utilizzata contro Esperti anti-Terrorismo, Personale esecutivo, e chiunque lavorasse per disseminare informazioni sul Terrorismo islamico e su chi lo finanzia.

I Casi sono spesso intimidatori, senza vere aspettative di vincere, e intrapresi per scoraggiare, demoralizzare e ridurre in bancarotta gli Accusati. Le Accuse sono spesso basate su motivi frivoli, che vanno dalla Diffamazione al Maltrattamento sul posto di lavoro, dal 'Discorso d'odio' all'Islamofobia, e sono spesso finite con la censura di libri, migliaia di Dollari in multe, e Case di produzione e Giornali che hannno rigettato la pubblicazione di importanti lavori di Esperti anti-Terrorismo, per la paura di divenire il prossimo bersaglio.

Citando e imponendo penalità a Esperti anti-Terrorismo, Ufficiali governativi, Autori e Media, i non-combattenti che sposano l'arte della Legge islamista assumono un ruolo di supporto, intenzionalmente o no, alle Operazioni violente che cercano di stabilire la Legge della Shari'a in Occidente. I Casi successivi rappresentano una piccola percentuale di casi d'arte legislativa islamista negli Stati Uniti, ma sono illustrativi.

Nel 2003, il Concilio per le Relazioni Americano-Islamiche basato a Washington, ha accusato il membro del Congresso statunitense Cass Ballenger, poiché si è saputo che in un'intervista aveva riportato alla CIA e all'FBI che il Gruppo 'finanziava le armi per Hezbollah' (10). Fortunatamente il Giudice ha ritenuto che il Congressista aveva parlato secondo il suo Dovere, contestualizzato al suo Ruolo pubblico, ed era costituzionalmente protetto per ciò.

L'anno dopo, il CAIR ha messo in piedi un proseguimento penale contro Andrew Whitehead, un Attivista americano e blogger, per aver mantenuto il Sito anti-CAIR-net-org, in cui il CAIR è descritto come Organizzazione islamista che ha connessioni con Gruppi terroristici. Apparentemente per timore che si scoprissero dei Documenti probatori, il CAIR ha ritirato la Denuncia e il Tribunale ha chiuso il Caso 'passato in giudicato' (11).

Nel 2005, la Società Islamica di Boston (ISB) ha citato in Causa per Diffamazione una dozzina di difensori, inclusi il Boston Herald e FOX 25 News, e l'Esperto anti-Terrorismo Steven Emerson, e molti altri. Gli accusati sono stati presi di mira dall'ISB perchè hanno parlato pubblicamente delle connessioni fra la Società Islamica e l'Islam radicale, e per aver sollevato questioni circa la costruzione della moschea a Boston, finanziata dall'Arabia Saudita. Dopo pochi mesi che era iniziato il Processo, la ISB ha abbandonato il Caso e ha ritirato le accuse, senza ricevere alcuna forma di pagamento (12).

Bruce Tefft, un Ufficiale della CIA e Consulente anti-Terrorismo per il Dipartimento di Polizia di N.Y., è stato denunciato da un Ufficiale di Polizia islamico per 'maltrattamento sul posto di lavoro', dopo che Tefft aveva fatto girare una mail a suoi contatti, di cui facevano parte anche poliziotti, fornendo informazioni sul Terrorismo islamico radicale (13). Il procedimento penale è in corso. A volte Autori e Editori americani possono trarre beneficio dagli Statuti anti-SLAPP (acronimo di Anti-Strategic Litigation Against Public Participation, ovvero Anti-Lite Strategica Contro il Dibattito Pubblico). In alcuni Stati, ma non tutti, l'anti-SLAPP è stata adottata per rendere illegale il tentativo di far tacere il Dibattito pubblico. Il problema con l'anti-SLAPP, comunque, è che mancano equivalenti a livello federale, ed una persona deve attendere di essere citata in Giudizio prima di poterne beneficiare.

Così fui il caso quando l'Autore americano Matthew Levitt e il suo Editore, Yale Press, sono stati accusati da KinderUSA per il libro di Levitt 'Hamas', in cui egli descrive KinderUSA come fronte caritatevole per finanziare il Terrorismo. In risposta all'Accusa, Levitt e la Yale Press hanno istituito una Contro-accusa basata sull'anti-SLAPP californiana, sostenendo che l'Accusa di KinderUSA aveva scorrettamente l'intenzione di ridurli al silenzio. Appena dopo la Contro-accusa, KinderUSA ha ritirato l'Accusa dicendo che non aveva più i soldi per continuare il Processo (14).

I casi più preoccupanti comunque, sono quelli relativi a coloro che vengono accusati perchè riportano in merito ad Ufficiali del Governo statunitense e alle loro investigazioni sulle Attività terroristiche, oppure in merito alla loro formale richiesta al Governo di condurre indagini su sospette Attività illegali. Fra loro c'è il New York Times, che nel 2001 ha riportato sulle Investigazioni del Governo statunitense in merito al Global Relief Foundation (Fondazione per il Soccorso Globale), per cui è stato denunciato (15). C'è il Wall Street Journal, che ha riportato nel 2002 il Monitoraggio dei conti bancari sauditi, ed è stato denunciato (16). C'è l'Anti-Defamation League, che nel 2002 ha chiesto di investigare su una Sovraintendente di Scuola pubblica di nome Khadja Ghafur, che violando le Regole dell'Istituto aveva permesso l'introduzione dell'insegnamento della Religione a scuola. Come prevedibile, la Ghafur ha citato l'Anti-Defamation League per Diffamazione e ha perso, ma solo dopo che l'ADL aveva già perso tanto tempo e denaro per difendere sè stessa (17).

L'effetto cumulativo di questi Proseguimenti, insieme alla minaccia di futuri Proseguimenti, sta creando un negativo effetto congelante sull'Esercizio della Libertà d'Espressione nel Paese, e sta innalzando il costo del Dibattito pubblico in merito alla Guerra al Terrorismo. L'arte di legiferare islamista ha anche diffuso un'ondata di auto-Censura, che ha persino condotto Case editirici ad assumere Esperti che determinino le potenziali Reazioni violente della Comunità islamica alle parole che vengono stampate.

La Strategia di ridurre al Silenzio il materiale occidentale, definendolo 'blasfemo' verso l'Islam, è iniziato prima delle Obiezioni sollevate verso la Verità, verso le vignette, verso i Politici e verso gli Articoli politici. Dopo la pubblicazione, nel 1988, del famoso lavoro di 'fiction' di Salman Rushdie 'Versetti satanici', l'Ayatollah Khomeini, allora cittadino britannico, ha emesso la sua infame 'fatwa' contro Rushdie (18). La 'fatwa' ha segnato l'Inizio della Fine del Dibattito pubblico stile 'fiction' (o altrimenti) sull'Islam. Solo sei mesi fa, il Capo degli Archivi di Khomeini, ha orgogliosamente affermato alla Televisione iraniana che: 'La 'fatwa' dell'Imam Khomeini su Salman Rushdie ha un Significato storico per l'Islam. Non è stata solo una 'fatwa'. È stato un Verdetto che è valido ancora Oggi' (19). Da questo epocale Attacco, gli islamisti sono avanzati, riducendo al silenzio i Dibattiti pubblici in diretta in merito alla Sicurezza nazionale, e cercano di impedire lavori di 'fiction' su ciò verso cui obiettano. E ancora dopo 20 anni pieni dalla sua pubblicazione 'Versetti satanici' del 1988, Salman Rushdie vive nascosto.

Di recente, il Gruppo editore Random House voleva pubblicare un romanzo di 'fiction' intitolato 'Il gioiello di Medina', della Giornalista Sherry Jones, sulla sposa bambina di Mohammad. La Casa editrice ha temuto che ciò potesse essere offensivo per alcuni in seno alla Comunità islamica e che avrebbe 'incitato atti di Violenza' (20). Prima di pubblicare, l'Editore Thomas Perry si è consultato con Esperti della Sicurezza e con Scolari islamici, e ha ricevuto da 'Fonti credibili e indipendenti' (21) l'avviso di rinunciare alla pubblicazione.

Denise Spellberg, una Professoressa associata di Storia islamica presso l'Università del Texas, ha giudicato l'opera un 'frenetico' appello e un lavoro 'veramente brutto e stupido', che ha detto 'si prendeva gioco degli islamici e della loro Storia' (22). Nonostante il Successo commerciale del pezzo di 'fiction' sulla Guerra all'Islam radicale, quale il best-seller del New York Times 'The last Patriot' (L'ultimo Patriota) (23), scritto da Brad Thor e pubblicato da Atrica Books, e del 'Secret Servant' di Daniel Silva, pubblicato da Putnam, la Random House sembra aver lasciato le sue decisioni di business ad una Professoressa di Studi islamici. Nonostante la pubblicazione di questo libro è stata posticipata per 'motivi di Sicurezza', bisogna chiedersi se le sortite isteriche di una Professoressa associata costituiscano un reale Pericolo. Castrando ulteriormente la Random House, la Comunità islamica in Serbia ha rilasciato una Dichiarazione che diceva dell'insoddisfazione verso il semplice posticipo della pubblicazione, e il Leader dell'Organizzazione, Muamer Zukorlich, ha chiesto che le copie pubblicate venissero ritirate (24).

I Casi summenzionati riflettono un po' quel che sta accadendo: la Libertà d'Espressione degli americani e di altri occidentali è messa sotto assedio dagli islamisti. I presi di mira vanno dagli Ufficiali di Governo attivamente impegnati nella Lotta al Terrorismo islamista, ai Romanzieri che si permettono di utilizzare temi della Storia islamica nei loro scritti. Quel di cui bisogna rendersi conto è il fatto che questo problema non è limitato in alcun modo dall'arte di legiferare negli Stati Uniti, o persino fra gli statunitensi. Questa arte di legiferare coinvolge sempre di più tutte le Democrazie occidentali, inclusi gli Stati Uniti, e sta guadagnando terreno in modo significativo.

Arte di legiferare in Europa e Canada

L'arte di legiferare islamista sta raggiungendo un alto grado di Successo in Canada e Europa perchè il loro Sistema giudiziale non garantisce la stessa Libertà d'Espressione che è garantita nella Costituzione statunitense. Con il loro 'Discorso d'odio', e la loro interpretazione liberale e virtuale di 'Islamofobia', i Sistemi legali europei e canadesi hanno steso il telaio adatto per la realizzazione degli obiettivi degli islamisti litigiosi.

A febbraio 2006 l'Unione Europea e il Segretario Generale delle Nazioni Unite Kofi Annan, hanno emesso una Decisione in unione con l'Organizzazione della Conferenza Islamica, ove riconoscono di dover 'mostrare sensibilità' per le questioni di particolare significato per gli aderenti a qualsiasi Religione, 'e questo vale anche da parte di coloro che non condividono lo stesso Credo' (25). A giugno 2006, il Concilio d'Europa ha ospitato il 'Programma in cui si ascoltano le Comunità islamiche confrontate con l'Estremismo', dove il 'punto di vista sulla Situazione europea' è stata presentato da niente po' po' di meno che che Tariq Ramadan (26). Sulla bozza di Risoluzione uscita a giugno 2006, il Concilio d'Europa ha recentemente rilasciato la Risoluzione 1605, che dice della diffusione dell''Islamofobia' e chiama tutte le sue Nazioni membro a 'condannare e combattere l'Islamofobia' (27).

Personalità che hanno dovuto confrontarsi con il nuovo Sistema legale europeo, è anche l'Attrice Brigitte Bardot, che è stata accusata ad aprile passato, per la quinta volta, di 'Incitamento all'odio razziale' contro gli islamici, che l'hanno costretta a pagare una multa di 12'000 Pounds (28). Al momento della sua morte nel 2006, la nota Autrice italiana Oriana Fallaci era stata denunciata in Francia (29), in Italia (30), in Svizzera (31) e in altre giurisdizioni da Gruppi impegnati ad impedire la diffusione dei suoi lavori. Il 13 maggio 2008, la Polizia olandese ha arrestato un vignettista dallo pseudonimo Gregorious Nekschot '... per l'Offesa criminale di aver pubblicato vignette che erano discriminanti verso gli islamici e la gente di pelle scura' (32).

Inghilterra

I Tribunali di Gran Bretagna, a causa della loro Legge sulla calunnia, sono giurisdizioni particolarmente adatte a restringere la diffusione di materiale che renda attenti in merito all'Islam radicale e al finanziamento del Terrorismo (33).

Uno dei principali attori su questo fronte è Khalid bin Mahfouz, un ricco businessman che risiede in Arabia Saudita che è stato accusato da diverse parti di supportare finanziariamente AlQaeda. Noto frequentatore della Legge sulla calunnia, Mahfouz ha denunciato o minacciato di denunciare più di 30 Editori e Autori presso i Tribunali britannici, inclusi diversi americani, i cui scritti lo hanno collegato ad Entità terroristiche. Confrontati con la prospettiva di lunghe e costose Contese, la maggior parte delle parti attaccate da Mahfouz hanno chiesto scusa e hanno ritirato le affermazioni, mentre altri hanno persino pagano multe e ‘contribuiti’ a suo beneficio. Nel 2007, quando Mahfouz ha minacciato di denunciare la Stampa dell’Università di Cambridge per la pubblicazione del libro ‘Alms for Jihad’ (Beneficienza per la Jihad), dell’Autore americano Robert Collins e J. Millard Burr, la Stampa di Cambridge è subito capitolata, offrendo scuse pubbliche a Mahfouz, e togliendo il libro dalle stampe, distruggendo le copie invendute, e oltraggiosamente chiedendo alle librerie di tutto il Mondo di rimuovere il libro dai loro scaffali. Subito dopo la pubblicazione statunitense del libro ‘Funding Evil’ (Finanziando il Male) di Rachel Ehrenfeld, Mahfouz ha denunciato Ehrenfeld per diffamazione poiché lei pure aveva scritto delle connessioni finanziarie fra Mahfouz e le Entità terroristiche. Le accuse contro la Ehrenfeld sono state ascoltate presso i Tribunali britannici nonostante il fatto che né Mahfouz né la Ehrenfeld risiedessero in Gran Bretagna, ma in Inghilterra erano state vendute 23 copie on-line del libro della Ehrenfeld attraverso Amazon.com.

Con nessuna voglia di viaggiare fino in Inghilterra o accettare la Legge criminale britannica per giudicare sé e il suo lavoro, la Ehrenfeld ha perso per difetto e le è stato ordinato di pagare multe salate, chiedere scusa, e distruggere i suoi libri – cose che lei ha rifiutato di fare (34).
Canada

Il Canada con la sua Commissione per i ‘Diritti umani’ si aggiunge alla lista dei Paesi le cui Leggi sono usate per attaccare il Diritto alla Libertà d’Espressione di Autori e Attivisti. La Sezione 13 dell’Atto dei Diritti Umani canadese impedisce la trasmissione elettronica di materiale che si ritiene ‘esponga una persona all’odio o al disprezzo, su basi di discriminazione proibite’ (35), le cui basi includono anche le Origini etniche e la Religione (36). Questi presupposti che rappresentano una Legge democratica solo a corta distanza, hanno permesso il sollevamento di un’ondata di critiche relative ai ‘Diritti umani’ in seno alla Commissione dei Diritti Umani del Canada (CHRC), che hanno colpito Critici dell’Islam radicale e i loro Editori.

Coloro che sono comparsi di fronte alla Commissione sono il magazine Maclean’s, il Premio Mark Steyn, e il noto Avvocato e blogger Ezra Levant. Le critiche verso Maclean’s e Steyn sono state avviate dal Congresso Islamico Canadese (CIC) e si basavano sulla ri-pubblicazione da parte di Maclean’s di estratti del libro di Steyn ‘America Alone’ (L’America sola), che dettagliava la capitolazione europea sotto l’Islam radicale, e prospettava l’America quale ultimo bastione per la Libertà, cosa che il CIC ha detto essere ‘palesemente islamofobica’. Levant è stato chiamato di fronte alla Commissione con l’accusa di Discorso d’odio contro gli islamici dopo aver ri-pubblicato la vignetta danese di Mohammad nell’ora defunto magazine Western Standard (Modello occidentale). Nonostante le accuse siano state ritirate, il Verdetto può essere difficilmente considerato una ‘Vittoria’ per la Libertà d’Espressione, come ha spiegato sul suo Sito (38).

Olanda

Il Discorso più spaventoso di tutti è quello del Politico olandese e Regista e Critico dell’Islam, Geert Wilders. Dopo aver rilasciato il suo film auto-prodotto di 10 minuti intitolato ‘Fitna’, Wilders è stato sommerso da accuse di ‘Discorso d’odio’, fra cui quella di un imam radicale che ha chiesto 55'000 Euro di compenso perché gli sono stati urtati i sentimenti. Ironicamente, il film narra principalmente di affermazioni estratte dal Corano, e scene di imam che predicano la morte degli ebrei (39). Più inquietante comunque, è che lo Stato della Giordania, molto probabilmente agendo quale punto d’appoggio per l’Organizzazione della Conferenza Islamica (OIC), ha chiesto l’Estradizione di Wilders perché venga giudicato in Giordania per blasfemia, un Crimine per cui la Shari’a dichiara che la punizione debba essere la morte, sebbene i Rapporti emersi dicono che il massimo della pena dovrebbe essere tre anni (di galera) (40).

Il Parlamento olandese ha preso la richiesta molto seriamente, è ha escluso Wilders da Negoziati multi-laterali. Quale precauzione, Wilders non viaggia più all’Estero senza ottenere una Lettera diplomatica dallo Stato di destinazione, che prometta che non verrà estradato. Attualmente, Wilders vive sotto minacce di morte incombente, completate dalla minaccia che un qualsiasi giorno l’Interpol possa emanare un Mandato d’arresto giordano verso di lui.

Se la Giordania ce la fa ad estradare un Ufficiale democraticamente eletto, e farlo processare in un Paese non-democratico per un Discorso fatto nell’assoluzione dei suoi Doveri, nell’intento di educare il popolo in materia di Sicurezza nazionale, tutto in nome della blasfemia verso l’Islam, che razza di precedente verrà creato? In base alla destinazione verso cui gli islamisti intendono spingere Wilders, è ovvio che la sua Accusa fa parte di un disegno più grande. Entro quando un altro Paese appartenente all’Organizzazione della Conferenza Islamica deciderà di trovare un altro Governante colpevole di ‘blasfemia’, e di farlo estradare?

Dopo che il Ministro italiano Roberto Calderoni ha indossato una t-shirt che ritraeva Mohammad, è stato forzato alle dimissioni (41). In base alla sua ri-nomina quale Primo ministro, il Governo riformato di Berlusconi, minacciato di ‘conseguenze catastrofiche’, spinto dalla Libia, ha obbligato Calderoni a scusarsi pubblicamente per il suo guardaroba (42).
La Scena internazionale: le Organizzazioni islamiche e le Nazioni Unite

Gli sforzi relativi all’arte di legiferare nazionale, stanno spingendo perché la blasfemia verso l’Islam venga considerata come Crimine verso l’umanità. Le Organizzazioni islamiste, quali la Muslim World League (la Lega Islamica Mondiale), chiedono lo stabilimento di una Commissione indipendente che prenda provvedimenti contro le parti che diffamano il loro profeta Mohammed (43), e al Summit di Dakar, si è parlato di prendere provvedimenti legali verso chi insulta l’Islam. Questo fatto chiave ha condotto al Comunicato finale adottato dall’Organizzazione della Conferenza Islamica che denuncia ‘l’aumento dell’intolleranza e della discriminazione contro le Minoranze islamiche, che costituisce un affronto alla Dignità umana’ (44).

La Conferenza islamica di Ministri esteri, alla sua 34° sessione tenutasi ad Islamabad a maggio 2007, condanna la ‘crescente tendenza all’Islamofobia’ (45) ed enfatizza ‘la necessità di prendere misure effettive per combattere la diffamazione’. La Società islamica dell’America del nord e il Concilio Islamico degli Affari Pubblici, hanno entrambi sostenuto che intendono procedere contro i loro Critici (46) e il CAIR ha annunciato l’ambizioso obiettivo di raccogliere 1 milione per ‘difendere gli islamici e l'Islam contro gli Attacchi diffamatori’ (47).

Più recentemente Stati e Organizzazioni islamiche hanno lobbizzato con successo la Commissione per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, facendo accettare la Risoluzione numero 7/19 (48), un Documento che fa diventare il concetto di Diritti umani uno strumento di controllo orwelliano. La Risoluzione fa riferimento alla Dichiarazione di Durban, e esprime il suo intento di ‘far da complemento alle Strategie legali’ votate a criminalizzare la diffamazione della Religione. La Risoluzione ‘chiede urgentemente agli Stati di provvedere, nel loro Sistema legale interno e nel loro Sistema costituzionale, ad adeguata protezione contro atti di … discriminazione’ (49) e proibire ‘la diffusione di idee razziste e xenofobe’ (50).

Notare che le ‘idee’ che le Nazioni Unite proibiscono non sono parole pubblicate ma pensieri diffamatori contro l’Islam.

La Risoluzione esprime inoltre le sue ‘serie preoccupazioni verso l’identificazione dell’Islam con il Terrorismo, la Violenza e la Violazione dei Diritti Umani’. Che possibilità ci sono che queste disposizioni vengano applicate a coloro che decapitano i Giornalisti in nome dell’Islam, o ai Gruppi terroristi palestinesi che si definiscono ‘Jihad islamica’?

Oltre il danno la beffa, i firmatari della Risoluzione hanno colto l’opportunità per ‘enfatizzare’ (senza enfasi) che chiunque ha il Diritto alla Libertà d’Espressione, ma che questa Libertà ‘debba essere soggetta a talune Restrizioni’, stipulando che ‘la proibizione della diffusione di ‘idee’ (con enfasi) basate sulla Superiorità di razza o odio è compatibile con la Libertà d’Opinione e d’Espressione’ . I firmatari della Risoluzione 7/19 della Commissione per i Diritti Umani delle Nazioni Unite includono la Cina, l’Egitto, l’Indonesia, la Giordania, la Malesia, la Nigeria, il Pakistan, le Filippine, il Qatar, la Federazione Russa, l’Arabia Saudita, e lo Sri Lanka, fra altri.

Questa Risoluzione 7/19 sembra un tentativo iniziale di stabilire un abbozzo di Legge internazionale, che verrà usata in futuro contro Capi di Stato che parlano contro l’Islam radicale quale minaccia alla Sicurezza nazionale. Così, mentre gli Stati islamici chiedono unilateralmente l’Estradizione di un Geert Wilders –o forse, di un Donald Rumsfeld-, gli islamisti possono ora usare i meccanismi delle Nazioni Unite per obbligare i Politici a rispettare uno standard di ‘sensibilità’ verso l’Islam, definito unicamente dagli stessi islamisti.

Il Centro Europeo per la Legge e la Giustizia (European Center for Law and Justice), un’Agenzia legale per il pubblico interesse, non-profit, ha scritto all’Alto commissario delle Nazioni Unite facendo giustamente notare che, la Libertà di Religione non ti dà carta bianca in merito alla Libertà di praticarla, rimanendo esente da critiche. In effetti, la Risoluzione 7/19 è essa stessa una violazione della Legge internazionale che garantisce l’inalienabile Diritto umano alla Libertà d’Espressione, specialmente in merito a fatti di pubblico interesse, quali Religione e Sicurezza nazionale (51).

E quali sono le posizioni dell’Unione Americana per le Libertà Civili (the American Civil Liberties Union) e del Centro per i Diritti Costituzionali (Center for Constitutional Rights - CCR) in merito a ciò? Dove sono i Media internazionali? Perché questa questione ha incontrato il silenzio virtuale in loro favore, mentre i Diritti umani di base dei cittadini americani, in merito alla Libertà di Espressione, vengono calpestati? Forse il CCR è troppo occupato a proseguire il Segretario della Difesa Rumsfeld in Spagna, per supposti ‘Crimini di Guerra’ in Iraq, dal momento che le stesse contro di lui in Germania sono state respinte? (52)
Conclusione

La Guerra contro l’Islamismo è più una Guerra d’idee che una Battaglia fisica, e perciò la diffusione di informazioni nel mondo libero è fondamentale. La manipolazione del Sistema giudiziale occidentale, e dell’uso delle Leggi occidentali in merito al ‘Discorso d’odio’ e ad altri Prodotti della politically correctness, che va distruggendo i Principi basilari difesi dalle Democrazie, deve essere contrastata.

Sfortunatamente l’arte di legiferare islamista sta iniziando a limitare il controllo della Discussione pubblica sull’Islam, particolarmente per quanto concerne la comprensione delle minacce poste dalle Entità terroristiche islamiche. Per ciò, l’arte di legiferare islamista rappresenta una minaccia diretta e reale, non solo per i nostri Diritti costituzionali, ma anche per la nostra Sicurezza nazionale.

Alcuni hanno fatto notare che l’anti-americanismo degli islamisti radicali ha poco a che fare con l’anti-imperialismo, ma riflette un profondo disprezzo per la Società liberale e sociale che abbiamo costruito, e per la sua enfasi in merito alle Libertà individuali (53). La Libertà d’Espressione è la pietra angolare delle Libertà democratiche – è una Libertà che le Civiltà occidentali hanno pagato, nel corso del Tempo, col sangue. Non dobbiamo rinunciarvi così facilmente. I veri imperialisti sono color che cercano di imporre la loro percezione sugli altri, attraverso mezzi violenti o legali, e che cercano di conquistare e soggiogare punti di vista in contrasto con i loro.

La realtà è che la Comunità islamica non ha nulla da guadagnare supportando la censura a livello di Dibattito sull’Islam. Se una vignetta su Mohammad è ‘Discorso d’odio’ ora, fra quando al Corano verrà riservato lo stesso trattamento? Come ha fatto notare Jonathan Kay, Articolista del National Post: ‘Gli Attivisti per i Diritti umani mandarini non si sono schierati contro le mosche e i mullah – non ancora’ ma non ci vuole molto a capire che i due possano giocare allo stesso gioco. Le azioni del CAIR e del CIC e altri, che si impegnano nell’arte del legiferare islamista, offrono grandi opportunità di ribattere a coloro che vedono l’Islamismo come compatibile con la Democrazia.

Brooke Goldstein è un Avvocato, un premiato Regista e Direttore del Legal Project at the Middle East Forum (Progetto Legale presso il Forum Medio Orientale). Il Progetto Legale si dedica ad offrire rappresentanza legale agli Autori, Attivisti e Editori che lavorano sui temi dell’Islam radicale, Terrorismo, e le sue Fonti di finanziamento.

Aaron Eitan Meyer ha recentemente realizzato il suo Dottorato in Giurisprudenza presso il Centro Legale Touro (Touro Law Center), e è attualmente Assistente del Direttore presso il Legal Project of the Middle East Forum e Legale del blog Terror Finance (Finanza terrorista).

Originalmente pubblicato in due parti, su thecounterterroristmag.com.Vedere in formato .pdf: Parte 1 e 2.

NOTE

1 Dunlap, Law and Military Interventions: Preserving Humanitarian Values in 21st Century Conflicts (29 Nov 2001), e David Rivkin, The Wall Street Journal Op Ed su http://online.wsj.com/article/SB117220137149816987.html (commento su: http://www.prospect.org/cs/articles?article=the_lawfare_scare )
2 http://www.opinionjournal.com/forms/printThis.html?id=110005366
3 http://online.wsj.com/article/SB117220137149816987.html
4 Il Ministro israeliano Avi Dichter ha cancellato un viaggio in Gran Bretagna dopo essere stato minacciato d’arresto in merito ad un accadimento del 2001 (vedere http://www.timesonline.co.uk/tol/news/uk/article3012503.ece ) Pure un Deputato Primo ministro israeliano, Capo delle Forze di Difesa israeliane, Shaul Mofaz, ha accorciato un suo viaggio in Gran Bretagna dopo che l’Accusa pubblica britannica ha chiesto alla Polizia di Londra d’investigare su suoi presunti Crimini di Guerra (vedere http://www.smh.com.au/articles/2002/11/01/1036027036796.html )
5 ‘Lawfare’ (arte di legiferare) di David B. Rivkin & Lee A.Casey, The Wall Street Journal ( 26 Feb 2007) su http://prasad.aem.cornell.edu/doc/media/PrasadRajan.WSJAFeb07.pdf
6 Testo della Decisione: http://www.icj-cij.org/docket/index.php?p1=3&p2=4&k=5a&...
7 Per più informazioni sulla Finanza compatibile con la Shari’a, vedere David Yerushalmi, ‘Shari’a Black Box: Civil Liability and Criminal Exposure Surrounding Sharia-Compliant Finance’ Utah Law Review o www.securefreedom.org
8 Tanto è stato detto sugli sforzi sauditi di produrre libri scolastici per le Scuole americane, e per lo stabilimento di un linguaggio islamico nelle Scuole, come accaduto per l’Accademia Khalil Gibran di New York, per cui sono state sollevate accuse di violazione delle Clausole dell’Istituto e di contravvenzione della Separazione fra Stato e Chiesa, e nel caso specifico, fra Stato e Moschea. ‘Islam in America's public schools: Education or indoctrination?’ http://www.sfgate.com/cgi-bin/article.cgi?f=/g/a/2008/06/11/cstillw... . Sulla newyorkese ‘Khalil Gibran International Academy http://www.danielpipes.org/blog/2007/03/on-new-yorkskhalil-gibran-i...
9 CAIR: ‘Il CAIR crede che la pratica attiva dell’Islam rafforza il tessuto sociale e religioso della nostra Nazione’ http://www.cair.com/AboutUs/VisionMissionCorePrinciples.aspx . Il CAIR offre pure una ‘guida’ che fornisce ‘… informazioni di base sull’Islam e gli islamici, le migliori pratiche della Comunità islamica, e una lista di termini accurati da usare in caso di Discorsi in merito all’Islam’. Pure, il CAIR ha una Campagna chiamata ‘Esplora il Corano’ con la seguente descrizione del suo obiettivo: ‘Nel clima odierno di alta sensibilità religiosa e apparente collasso culturale, è ora il momento migliore per la gente di qualsiasi Fede di confrontarsi meglio con il Sacro testo islamico, il sacro Corano’ http://www.explorethequran.org . Questo viene realizzato distribuendo copie del Corano. C’è una simile Campagna riguardante Mohammad http://www.exploremuhammad.org . ISNA: Imam Sirraj Wahhaj, fa parte dei membri. Majlis Ashura dell’ISNA: ‘Col Tempo, questa cosiddetta Democrazia si sgretolerà, e non ci sarà più niente. E l’unica cosa che rimarrà sarà l’Islam’, questo è ciò che ha detto Wahhaj in uno dei suoi sermoni. Lo stessa sortita è citata in ‘Radical Imam Promotes Pro-Islamic Ad Campaign to Run on New York Subways’ http://www.foxnews.com/story/0,2933,387701,00.html . Il CAIR: Omar M. Ahmad, allora Direttore del CAIR: ‘Se scegliete di vivere qui (in America) … avete la responsabilità di portare il Messaggio dell’Islam …’ citato in ‘American Muslim leader urges faithful to spread Islam's message’ e ‘Il Corano, la Scrittura islamica, dovrebbe essere la più alta Autorità in America, e Islam l’unica Religione accettata sulla Terra …’, in un articolo di Lisa Gardiner, che si trova on-line su http://www.danielpipes.org/394.pdf . Vedere anche il WorldNetDaily: ‘Did CAIR founder say Islam to Rule America? http://www.worldnetdaily.com/news/article.asp?ARTICLE_ID=53303
10 Ballenger ha fatto il commento in una telefonata al Giornalista Tim Funk del Charlotte Observer il 1 ottobre 2003. Come detto in Tribunale dal Council of American Islamic Relations, v. Cass Ballenger, 444 F.3d 659 (D.C. Cir. 2006) http://pacer.cadc.uscourts.gov/docs/common/opinions/200604/05-5161a...
11 Nonostante i falliti sforzi intimidatori del CAIR, il Sito anti-CAIR di Whitehead è ancora attivo insieme al suo Testo incriminato, ed è reperibile all’indirizzo: www.anti-cairnet.org
12 In accordo con l’adagio ‘le azioni dicono di più delle parole’, il fatto che sia ISB che CAIR abbiano abbandonato le loro accuse appena prima che venisse loro richiesto, per Ordine del Tribunale, di mostrare Documenti interni, la dice lunga sul fatto che i due attori avessero veramente o meno intenzione di portare avanti le loro accuse legali in base ai loro meriti, o se intendevano usare il Sistema giudiziale per intimidire gli accusati, come pure altri Giornalisti, scoraggiandoli dal riportare notizie che li riguardavano.
13 http://frontpagemagazine.com/Articles/Read.aspx?GUID=AF613BFA-8E34-...
14 KinderUSA ha detto che le sue risorse sarebbero state meglio spese in Beneficienza http://www.libraryjournal.com/info/CA6470780.html
15 Confermando la Decisione, il Tribunale d’Appello del 7° circondario reitera che ‘la Verità è un antidoto alla diffamazione’ 390 F.3d 973 (7th Cir. 2004) http://cases.justia.com/us-court-of-appeals/F3/390/973/506579/
16 La banca ha lasciato cadere le accuse nel 2005, ma il WSJ ha pubblicato un ‘chiarimento’ in cui diceva che non relazionava in alcun modo la banca al Terrorismo http://online.wsj.com/article/SB118530038250476405.html
17 "Il Tribunale rigetta il proseguimento di un Educatore islamico contro l’ADL" http://www.jewishsf.com/content/2-0-/module/displaystory/story_id/2...
18 Per un’eccellente spiegazione dell’evento vedere "The Ayatollah, the
Novelist, and the West" di Daniel Pipes, disponibile on-line su http://www.danielpipes.org/article/186
19 http://www.danielpipes.org/blog/2004/06/is-salman-rushdie-now-safe....
20 "Random House Pulls Novel on Islam, Fears Violent," di Edith Honan, (7 agosto 2008) su: http://www.reuters.com/article/newsOne/idUSN0736008820080807
21 http://www.telegraph.co.uk/news/uknews/2524540/Random-Housescraps-p...
22 http://dick-meom.blogspot.com/2008/08/random-house-randomlydecides-not-to.html
23 Il libro è disponibile su amazon.com: http://www.amazon.com/Last-Patriot-Thriller-Brad-Thor/dp/141654383X...
24 http://domino.un.org/UNISPAL.NSF
25 http://domino.un.org/UNISPAL.NSF/fd807e46661e3689852570d00069e918/4...!OpenDocument
26 http://assembly.coe.int/Main.asp?link=/Documents/WorkingDocs/Doc08/...
27 Adottato dall’Assemblea parlamentare del Concilio europeo il 15 aprile 2008 http://assembly.coe.int/Main.asp?link=/Documents/AdoptedText/ta08/E...
28 http://www.reuters.com/article/entertainmentNews/idUSL1584799120080...; http://www.dailymail.co.uk/tvshowbiz/article-1023969/Brigitte-Bardo...
29 http://www.secularism.org.uk/39371.html#oriana
30 http://www.cbc.ca/story/arts/national/2006/09/15/orianafallaci-obit...
31 http://www.milligazette.com/Archives/01072002/0107200263.htm
32 http://www.brusselsjournal.com/node/3257
33 Negli Stati Uniti, con il nostro primo Emendamento che parla della Libertà d’Espressione, gli attori non solo devono provare che il Discorso in questione è falso e diffamante, ma dove sono coinvolti problemi di interesse pubblico, devono anche dimostrare che il Discorso è stato pubblicato senza riguardo per la Verità. In Inghilterra, diversamente, le cose stanno esattamente all’opposto: l’Accusatore presume che il Discorso sia falso, e sta all’Accusato dimostrare che invece è vero. Mentre la differenza pare minima, la Giurisprudenza britannica, in contrasto con la Legge statunitense, fa sì che l’Accusato sia considerato colpevole fino a prova contraria e i Tribunali britannici sono diventati una calamita per accuse di Diffamazione, che altrimenti fallirebbero miseramente nei Tribunali statunitensi. E più sono le accuse a carico dell’Accusato, più i Tribunali britannici spingono gli Editori al silenzio, indipendentemente dai meriti degli Autori delle opere.
34 In contrasto, Ehrenfeld ha sporto una contro-Accusa verso Mahfouz in un Tribunale di New York, cercando di ottenere un Giudizio estero che fosse emesso negli Stati Uniti. Ironicamente, Ehrenfeld ha perso la sua Causa contro Mahfouz, perché il Tribunale ha deciso che New York era la Giurisdizione sbagliata per un residente dell’Arabia Saudita, in quanto aveva insufficienti connessioni con quel Paese. Subito dopo la Sentenza, il Corpo legislativo di New York ha dimostrato una Solidarietà senza precedenti, ha deciso di dar vita al Libel Terrorism Protection Act (Atto di Protezione in caso di Calunnia al Terrorismo), che risparmia agli Autori americani dall'essere processati all’Estero, e che chiede che essi vengano processati negli Stati Uniti, in base ai loro meriti, e in accordo ai principi americani della Libertà d’Espressione. Una simile Legge è stata introdotta nel Congresso da Arlen Specter, e da Joseph Lieberman nel Senato, e da Joseph Kind nella Camera dei Rappresentanti, assieme a diversi altri sostenitori.
35 Cosa turba particolarmente in merito alla Sezione 13 della Legge sul ‘Discorso d’odio’ è che i costi di Tribunali di ogni Caso aperto dagli attori che agiscono in base a quella Sezione, sono completamente a carico del Governo, mentre gli Accusati devono provvedere alle spese da sé. Questa è una Regola che, ovviamente, incoraggia frivole accuse. In più, il CHRC ha avuto il 100% dei Casi basati su quella Sezione.
36 Come definito dalla Sezione 3 (1) dell’Atto dei Diritti Umani del Canada
37 Il CIC, il cui Presidente è Mohamed ElMasry, ha una volta definito ogni ebreo adulto in Israele come un obiettivo legittimo per i terroristi, ha inizialmente cercato, senza successo, di denunciare pubblicazioni con cui era in disaccordo, presso Tribunali legali regolari canadesi, incluso il National Post.
38 http://ezralevant.com/2008/08/punished-first-acquitted-later.html
39 ‘Fitna’ si può vedere qui: http://video.google.com/videoplay?docid=-2949546475561399959&hl=en
40 http://jihadwatch.org/archives/2008/07/021595print.html
41 http://news.bbc.co.uk/2/hi/europe/4727606.stm
42 http://thestar.com.my/news/story.asp?file=/2008/5/10/worldupdates/2...
43 http://www.arabnews.com/?page=4&section=0&article=77639&...
44 Comunicato finale adottato dall’Organizzazione della Conferenza islamica, durante il suo 11° Summit tenutosi a Dakar (marzo 2008) OIC/SUMMIT-11/2008/FC/Final http://www.oic-oci.org/oicnew/is11/English/FC-11-%20SUMMIT-en.pdf
45 UN HR, Risoluzione 7/19
46 http://www.faithfreedom.org/oped/RobertKing50905.htm and http://www.frontpagemag.com/Articles/Printable.aspx?GUID={1E2DE909-C6F5-4A5F-B852-0D90BE4FEA9C}
47 http://www.nysun.com/national/treasury-department-tars-alamoudi-fou...
48 Per il testo integrale della Risoluzione UN HRC, 7/19: http://ap.ohchr.org/documents/E/HRC/resolutions/A_HRC_RES_7_19.pdf
49 UN HRC, Risoluzione 7/19 Sezione 9
50 UN HRC, Risoluzione 7/19 Sezione 8
51 Rapporto ECLJ: http://www.meforum.org/legal-project.php
52 http://jurist.law.pitt.edu/paperchase/2007/04/german-prosecutor-rej...
53 Tarek Fatah, "Triggering a State of Islam," The National Post, 13 maggio 2008.
ULTIMI CASI DI ATTACCO ISLAMOFASCISTA ALLA LIBERTÀ D'ESPRESSIONE
[ http://muslimsagainstsharia.blogspot.com/2008/01/islamofascist-dhim... ]

Hon. Cass Ballenger Sued - accusata
Dr. Suliman Bashear Thrown out of a window - gettato fuori dalla Finestra
Dale Ehrgott Sued
Dr. Rachel Ehrenfeld Sued
Steven Emerson Sued
Fouad al-Farhan Jailed - imprigionato
Benoit Faucon Sued
Guillaume Faye Fined - multato
David Frum Sued
Pamela Geller Sued
Gorodskie Vesti Shut down - oscurato
Lowell Green Censured - censurato
Jussi Halla-aho Sued
David Harris Sued
Sayed Parwiz Kambakhsh Sentenced to death 20 years - 20 anni di Galera e sentenziato a Morte
Philippe Karsenty Sued
Joe Kaufman Sued
Fahim Khodamani Arrested - arrestato
Ravindra Kumar Arrested
Ezra Levant Sued
Bruce MacKinnon Investigated by the Police - sotto Investigazione da parte della Polizia
Omid Reza Misayafi Died in Prison - morto in Prigione
Gregorius Nekschot Arrested
Raja Petra Charged - condannata
Arifur Rahman Jailed
Paul Ray, a.k.a. Lionheart Arrested
Russian Newsweek Threatened with fine/closure - Minaccia di Chiusura
Sir Salman Rushdie Death fatwa issued - Emissione Fatwa di Morte
Hamoud Bin Saleh Arrested
Michael Savage Sued
Alexander Sdvizhkov Shut down, jailed
Glenn Simpson Sued
Anand Sinha Arrested
Anna Smirnova Fined, shut down
Shawn Steel Sued
Mark Steyn Sued
Mahmoud Mohamed Taha Executed - giustiziato
Toma Shot Shut down, fined
US Airways John Doe Sued
Philippe Val Sued
Webmaster, Rechtser.com Fined
Andrew Whitehead Sued
Geert Wilders Sued
Geert Wilders Deported - deportato
Michael Williams Sued
Ghows Zalmay Jailed
MEMRI Middle East Media Research Institute
Dispensa speciale n° 2312
Dispense MEMRI in francese: www.memri.org/french
Contatto: memri@memrieurope.org


Anwar Malek fustiga gli arabi: non mi baso sulla Storia, ma su ciò che realizzano Oggi

Di seguito gli estratti di un incontro dello scrittore algerino Anwar Malek. L'incontro è stato diffuso su Al-Jazeera il 3 marzo 2009.

Vedere gli estratti sottotitolati in inglese: http://www.memritv.org/clip/en/2063.htm.

Intervistatore: il 73% dei nostri spettatori [arabi] pensano che gli arabi rappresentino una grande potenza e che abbiano influenza, ....
(…)
Anwar Malek : questa cifra indica che gli arabi sono in preda a fantasmi e orgoglio soprassati.
Intervistatore: un orgoglio mal riposto.
"Gli arabi hanno inventato o scoperto lo zero - ma cosa ne hanno fatto?"
Anwar Malek : un orgoglio mal riposto, vuoto, che non fa bene ad alcuno. Gli arabi hanno inventato o scoperto lo zero [*] - ma cosa ne hanno fatto? Certi vi si sono seduti sopra, certi ne hanno fatto un copricapo, altri se ne servono come cerchio per far muovere fianchi, pancia e seni, in modo da far credere al Mondo che gli arabi moderni siano occupati a fare qualcosa. Oggi, gli arabi, non sono nient'altro che una serie di zero. (,..)
Gli arabi hanno perduto il loro Valore, la loro Umanità, la loro Cultura ... tutto. Niente permette di credere che si possa contare sugli arabi per produrre una qualsiasi cosa.
Questo orgoglio mal riposto è profondamente radicato presso gli arabi, in modo addirittura inimmaginabile. È profondamente ancoràto che credono di poter andare sulla Luna. Domandate ai vostri spettatori [arabi] se pensano che gli arabi possano andare sulla luna da qui al 2015. Vi diranno: 'Sì, gli arabi andranno sulla Luna'. Per AlLah, gli arabi non si allontaneranno dai loro domicili più di qualche centinaio di chilometri. Sono delle parole vuote [**].
Molto onestamente, gli arabi sono retrogradi, e per nulla adatti alla Civiltà. Non parlo della Storia, ma degli arabi di Oggi. Non parlo degli arabi d'altri Tempi, dell'Epoca delle conquiste islamiche [***]. Parlo degli arabi di Oggi. Hanno perduto la loro identità araba [islamica?] e si sono messi ad esportare shawarma, falafel e semi di lupino in Europa, pretendendo di contribuire con qualcosa di arabo all'Europa.
Intervistatore: la Civiltà.
Anwar Malek : chiamano ciò la Civiltà.
(…)
I Dirigenti arabi sono il riflesso del popolo. Non vengono da Marte o dal Sole. Vengono dal popolo, ed hanno le stesse Credenze di quest'ultimo. Se mettete un cittadino arabo [islamico?] al potere (...) sfido qualsiasi cittadino arabo a diventare Dirigente e a fare meglio degli attuali Dirigenti arabi. Non c'è alcuna differenza fra i Dirigenti e il popolo arabo.
(…)
"L'Hezbollah ha distrutto il Libano, nel quadro di un complotto perso."
Intervistatore: guardate cosa hanno realizzato dei piccoli Movimenti di Resistenza, con delle armi molto rudimentali, contro gli aggressori e i nemici. Potete negarlo? Ecco chi contraddice completamente quello che voi dite.
Anwar Malek : di quale Resistenza parla? Se parla della Resistenza dell'Hezbollah .... L'Hezbollah ha distrutto il Libano, nel quadro di un complotto perso. Dico pane-pane vino-vino. Quanto alla Resistenza in Palestina .... Non fanno che difendersi. È un Gruppo di persone che si difendono contro gli attacchi provenienti da tutte le parti. Cosa hanno realizzato? Sono riuscite a distruggere Israele? È a parer mio un miracolo che alcune persone fra loro siano solamente capaci di difendersi.
La Realtà araba è una Realtà di sconfitta. Hanno toccato il fondo. Siamo vinti, politicamente e militarmente ... e pure sul piano economico, sociale e persino psicologico. Il nostro discorso è un discorso di complotto: accusiamo gli Altri di tutti i nostri mali.
(…)
Intervistatore: prenda l'Egitto, per esempio. Cos'ha l'Egitto, questa Superpotenza, da offrire? Le chiedo: cosa ha l'Egitto da offrire?
Anwar Malek : Niente. Non è capace di niente. Non ha che semi di lupino, e lo dico con tutta l'ironia del Mondo. È incapace di qualsiasi cosa. L'Egitto vive con l'aiuto degli americani. Senza di questi, morirebbero di fame (in Egitto).
(…)
"La Guerra del 1973 non è stata una vittoria. È stata una sconfitta in più."
L´Egitto è incapace d'entrare in Guerra, (per delle ragioni) tanto strategiche che militari. È capace di niente.
Intervistatore: L´Egitto non ha vinto svariate Guerre?
Anwar Malek : No, la Guerra del 1973 non è stata una vittoria. È stata una sconfitta di più.
Intervistatore: L´Egitto non ha vinto la Guerra?
Anwar Malek : No, ad essa sono seguiti gli Accordi di Camp David, qualche anno più tardi. L'Egitto non ha vinto la Guerra. Nessun Paese arabo ha vinto una Guerra nell'Epoca moderna. Non c'è stata alcuna vittoria degna di qeusto nome. Non abbiamo subito che sconfitte, che imbellettiamo come fossero delle vittorie.
(…)
Guardi come gli arabi vivono in Occidente. Par AlLah, sono un cattivo esempio. quando udite parlare di ladri, si tratta sempre di arabi. Ogni volta che un giovane molesta una ragazza nelle vie di Londra o Parigi, si scopre che è un arabo. L'individuo arabo raggruppa tutti i Valori morali negativi."

NOTE del traduttore

[*] Sull'invenzione dello zero

1. http://it.wikipedia.org/wiki/Zero :

L'uso dello zero come numero in sé è un'introduzione relativamente recente della matematica, che si deve ai matematici indiani. Un primo studio dello zero, dovuto a Brahmagupta risale al 628.
Gli arabi appresero dagli indiani il sistema di numerazione posizionale decimale, e lo trasmisero agli europei durante il Medioevo (perciò ancora oggi in Occidente i numeri scritti con questo sistema sono detti "numeri arabi"). Essi chiamavano lo zero sifr (صفر): questo termine significa "vuoto" ma nelle traduzioni latine veniva indicato con "zephirum", cioè zefiro (figura della mitologia greca personificazione del vento di ponente).

2. http://www2.polito.it/didattica/polymath/htmlS/argoment/APPUNTI/TES... :

Dall’India lo zero e il nuovo sistema di numerazione arriveranno in Europa. Non direttamente, ma attraverso gli arabi. Nel secolo IX dopo Cristo, Abu Jafar Muhammad Ibn Musa al-Khwarismi, cioè Mohammed padre di Jafar e figlio di Musa, il Kwarismiano (della provincia persiana di Khoresm) scrisse un libretto di aritmetica nel quale spiegava l’uso dei nuovi numeri, da lui conosciuti attraverso gli scritti dei matematici indiani, alcuni dei quali erano arrivati alla corte di Bagdad.

[**] Sulla vanità arabo-islamica

Gli arabi (islamici) hanno COPIATO determinati concetti da altre Culture, li hanno ripresi ed un po' elaborati, ma -come accade nel copiare- senza capirne il senso profondo, e -come accade nell'irriconoscenza della Fonte- recidendo i legami con Essa. D'altra parte la Cultura arabo-islamica è piena di contraddizioni e illusioni: nel Testo coranico una volta si parla di Compassione, due righe dopo di non averne alcuna, poi ancora di Pietà, poi di non averne alcuna, eccetera, cosa che porta non all'ordine ma alla confusione mentale della persona che viene (politicamente) obbligata a considerare il Corano come l'unico testo degno di essere letto, il quale contiene 'tutto ciò che bisogna sapere' (e quindi 'è inutile leggere altri testi, anzi, è vietato, perchè è detto 'essi sono ispirati dal Demonio/Shaytan').
Questo ha condotto ad un Sapere di -sola- facciata.

Quel che si dice essere stato inventato dagli arabi, è stato -in realtà- da loro ripreso:
- l'Alchimia dall'Ebraismo e dalla Cabala;
- la Matematica dello zero dagli indiani;
- la Filosofia di Avicenna/Averroé dalla Filosofia greca;
- gli stessi capitoli del Corano dai racconti della Bibbia.

In merito alla contraddizione e all'illusione, nell'Islam si parla in modo onorevole del 'martirio' omicida-suicida (mentre il suicidio in sè nell'Islam è considerato peccato e porta all'Inferno). Il 'martirio' fa finire in un Paradiso pieno di 'vergini', le quali possono essere deflorate senza fine (dopo essere state deflorate esse tornano ad essere vergini). Ogni uomo puro ('martire') avrà a disposizione un gran numero di donne pure ('vergini'), ed insieme avranno un gran numero di amplessi. Ogni uomo puro sarà dotato della potenza sessuale di 100 uomini (o più), che non si esaurisce mai, e copulerà (con le verigini) in eterno.
Queste credenze illusorie e contradditorie, e l'incensarsi di meriti (scoperte) che non si hanno, può condurre gli arabo-islamici a credere di poter andare sulla Luna senza muovere un dito. Questo è il risultato del credere in 'miracoli oziosi'.
Esempi di ozio: la ricchezza islamica agli albori dell'Islam è stata realizzata non tramite la fatica ma tramite il saccheggio ('bottini di Guerra'); il lavoro in favore degli islamici veniva realizzato non da un giusto lavoro ma dallo sfuttamento della manodopera ('Schiavismo').
Barzelletta islamica
Un uomo ateo è povero e lo stesso è la sua vicina islamica. Lei prega AlLah perchè le dia cibo, egli impreca verso di lei dicendole che non c'è alcun Dio che le possa dare da mangiare. Lei gli dice che è un miscredente e perciò un dèmone. Lui va a lavorare e si procura del cibo, e vuole testare la 'creduloneria' della donna. Le fa trovare una cesta piena di cibo davanti alla porta, senza farsi vedere. Lei trova la cesta e prega AlLah, ringraziandolo per averle fornito il cibo che lei stessa aveva chiesto (a Dio). L'uomo si fa vedere e ridendo dice alla donna che è una credulona, e che il cibo l'ha procurato lui a lei. Allora la donna replica, rivolgendosi a Dio: 'Oh AlLah, grazie tanto! Mi hai dato il cibo che ho chiesto e per questo hai fatto pagare il Demonio'.

[***] Sulla gloria delle conquiste islamiche

All'Epoca delle conquiste islamiche gli 'arabi' (islamici) NON hanno dimostrato particolare attitudine alla Civiltà, considerata la crudeltà e l'ingiustizia con cui hanno trattato il Prossimo (i popoli offensivamente conquistati/sottomessi, a partire dalla stessa Tribù a cui apparteneva Mohammad, Leader della Religione/Politica islamica).

RSS

Page Monitor

Just fill in the box below on any 4F page to be notified when it changes.

Privacy & Unsubscribe respected

Muslim Terrorism Count

Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11

Mission Overview

Most Western societies are based on Secular Democracy, which itself is based on the concept that the open marketplace of ideas leads to the optimum government. Whilst that model has been very successful, it has defects. The 4 Freedoms address 4 of the principal vulnerabilities, and gives corrections to them. 

At the moment, one of the main actors exploiting these defects, is Islam, so this site pays particular attention to that threat.

Islam, operating at the micro and macro levels, is unstoppable by individuals, hence: "It takes a nation to protect the nation". There is not enough time to fight all its attacks, nor to read them nor even to record them. So the members of 4F try to curate a representative subset of these events.

We need to capture this information before it is removed.  The site already contains sufficient information to cover most issues, but our members add further updates when possible.

We hope that free nations will wake up to stop the threat, and force the separation of (Islamic) Church and State. This will also allow moderate Muslims to escape from their totalitarian political system.

The 4 Freedoms

These 4 freedoms are designed to close 4 vulnerabilities in Secular Democracy, by making them SP or Self-Protecting (see Hobbes's first law of nature). But Democracy also requires - in addition to the standard divisions of Executive, Legislature & Judiciary - a fourth body, Protector of the Open Society (POS), to monitor all its vulnerabilities (see also Popper). 
1. SP Freedom of Speech
Any speech is allowed - except that advocating the end of these freedoms
2. SP Freedom of Election
Any party is allowed - except one advocating the end of these freedoms
3. SP Freedom from Voter Importation
Immigration is allowed - except where that changes the political demography (this is electoral fraud)
4. SP Freedom from Debt
The Central Bank is allowed to create debt - except where that debt burden can pass across a generation (25 years).

An additional Freedom from Religion is deducible if the law is applied equally to everyone:

  • Religious and cultural activities are exempt from legal oversight except where they intrude into the public sphere (Res Publica)"

© 2022   Created by Netcon.   Powered by

Badges  |  Report an Issue  |  Terms of Service